Roma

Villa Borghese, l’immagine delle scale mobili invase da piante fa il giro del mondo

Condividi

“Uno di quei progetti di Roma che non ha funzionato del tutto…”. Ha fatto il giro del web l’immagine delle scale mobili invase da erbacce in viale del Galoppatoio, che conducono al parcheggio di Villa Borghese, twittata dal corrispondente dall’Italia dell’agenzia Reuters Crispian Balmer

 

Roma, opportunità candidatura Expo 2030. Raggi: “Possiamo trasformare la nostra città”

Il giornalista Crispian Balmer, corrispondente in Italia dell’agenzia di stampa britannica Reuters, ha postato su Twitter una foto dell’ingresso alle scale mobili di Villa Borghese, a Roma. Si tratta di scale non più utilizzate da anni (come dimostra la presenza di piante che crescono indisturbate), previste per collegare la superficie cittadina con l’area del parcheggio per le auto, sotto al Galoppatoio. Un tweet che ha acceso le polemiche, con l’immagine accompagna dalla battuta del giornalista Uno di quei progetti di Roma che non ha funzionato del tutto…

La foto è stata scattata dallo stesso giornalista inglese. Tra commenti e polemiche per quella che è stata definita “la solita figuraccia” di noi italiani all’estero, molti romani denunciano lo stato di abbandono di quelle scale che non vengono usate da oltre trent’anni.

Roma, Tobia Zevi: “Città non amata, al PD chiedo le primarie”

In riferimento alle notizie stampa circolate si precisa che la manutenzione delle scale mobili di Villa Borghese vicino il Galoppatoio è di competenza di Saba Italia, gestore del parcheggio sotto Villa Borghese. Si tratta di scale mobili per l’accesso al parcheggio in disuso da oltre 30 anni. L’area antistante è stata delimitata per ragioni di sicurezza. – afferma Pietro Calabrese, M5S Consigliere Roma Capitale – Parliamo di un’area interdetta da molto tempo per motivi di sicurezza, con gli impianti di risalita in disuso da oltre 30 anni perché non più funzionali all’utilizzo per cui erano stati realizzati, motivo per cui sugli impianti si è sviluppata anche della vegetazione. Ovviamente va riqualificata. La nostra amministrazione sulle concessioni dei parcheggi ai privati è dovuta intervenire in ambiti molto più urgenti, addirittura andando a rivedere non solo i progetti ma anche ogni dettaglio amministrativo, ‘abbandonati’ da decenni esattamente come quelle due scale mobili. Solo che in questo caso si è sollevato un polverone, mentre sui disastri amministrativi che abbiamo già risolto, alcuni fanno finta di non vederli semplicemente perché non si deve sapere, meglio sbattere in prima pagina ogni pretesto per denigrarci, e far scomparire ogni risultato ottenuto”.


Le scale mobili di Villa Borghese sembrano fioriere mal curate. Erba alta fra le scale ormai ferme da tempo e la Sindaca invece di intervenire fa scaricabarile e dopo 5 anni è ancora a caccia di colpevoli. Figuraccia internazionale, invece di lamentarsi, agisca“. Lo scrive in una nota il consigliere capitolino del Partito democratico Ilaria Piccolo.

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago