Attualità

VILLA DEI CASAMONICA CONSEGNATA AD UN’ASSOCIAZIONE ONLUS

Condividi

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha consegnato la villa confiscata ai Casamonica all’Associazione Genitori Soggetti Autistici, che ha vinto un bando promosso dalla Regione Lazio. La villa unifamiliare, in via Roccabernarda a Roma, è composta di due piani con una superficie totale lorda di 600 mq. Le condizioni dell’immobile sono buone ed il valore di mercato dell’immobile è di circa 1 milione e 400mila euro. La villa confiscata è stata sgomberata dalla Questura di Roma il 21 febbraio scorso ed è passata subito al patrimonio della Regione Lazio che ha così potuto emanare il bando pubblico di assegnazione rivolto ad associazioni e cooperative sociali. La Regione ha dato la villa in concessione gratuita per 9 anni, rinnovabili, all’associazione affinché vengano realizzate le azioni previste nel progetto che la commissione tecnica di valutazione regionale ha ritenuto di dover premiare tra le undici proposte pervenute dopo l’emanazione del bando. All’interno della villa confiscata nascerà il primo centro polifunzionale sull’autismo a Roma che svolgerà, tra le tante attività, corsi di “Parent Training” per genitori di soggetti autistici, Gruppi di Aiuto-Mutuo Aiuto per le famiglie, laboratori e attività di socializzazione e inclusione sociale per i ragazzi con autismo, sportello Autismo, attività per adulti con accompagnamento ai bisogni di semi-autonomia e autonomia. Il centro diventerà anche motore di sensibilizzazione sul territorio su quelle che sono le caratteristiche delle persone con sindrome autistica al fine di favorire una cultura della convivenza e del rispetto delle differenze. E’ la prima volta che un immobile confiscato ai Casamonica, clan che si caratterizza per il suo forte potere di intimidazione, arriva alla conclusione di un percorso che dal sequestro porta al riutilizzo sociale.

(Visited 109 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago