Riciclo e RifiutiTerritorio

Vietnam, stop alla plastica monouso in uno dei paesi asiatici più inquinanti

Condividi

Il primo ministro Phuc, il presidente del Comitato centrale del fronte della patria del Vietnam, Tran Thanh Man, il vicepremier Trinh Dinh Dung, il ministro delle Risorse naturali e dell’ambiente Tran Hong Ha, e numerosi funzionari del governo hanno invitato la popolazione a prendere parte alla lotta contro lo spreco della plastica e hanno visitato la mostra fotografica “Sfide al cambiamento”.

Il Vietnam è tra i cinque paesi asiatici che inquinano di più l’oceano con rifiuti in plastica, secondo ricerche di organizzazioni internazionali.

Plastica e resti di cibo nell’oceano: multata una grande società di navi da crociera

Plastica monouso, bandita in Canada dal 2021. Trudeau: “Farà bene al pianeta e all’economia”

L’Associazione della plastica del Vietnam ha illustrato la gravità del problema: nel 1990, ogni vietnamita utilizzava 3,8 chilogrammi di plastica all’anno, ma 25 anni dopo, il consumo pro capite annuo e’ salito a 41 chilogrammi.

Plastica e infradito, arriva la barca “FlipFlopi dhow” VIDEO

Sempre in Vietnam, Tran Minh Tien ha messo su una piccola impresa che produce cannucce e altri oggetti completamente eco-sostenibili, a partire dalle piante. Le cannucce sono fatte di foglie, verdi o essiccate. Attraverso l’e-commerce vengono distribuite in tutto il mondo.

Cannucce naturali dal Vietnam. Via l’usa e getta, arriva l’eco-sostenibilità VIDEO

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago