Mobilità

Viaggiare più green? Agenzia Ue: “La scelta migliore è il treno”

Condividi

Il trasporto ferroviario è per definizione la scelta più attenta al clima rispetto ad altri mezzi di trasporto, questo in modo particolare se confrontato con l’automobile o l’aereo. A confermarlo è il Transport and Environment Report 2020 pubblicato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA).

Viaggiare in treno resta la modalità di trasporto passeggeri più rispettosa del clima in Europa, rispetto all’auto o all’aereo. La conferma arriva dal Transport and Environment Report 2020, pubblicato dall’Agenzia europea dell’Ambiente. Secondo i dati Aea, i trasporti hanno rappresentato il 25% delle emissioni di gas a effetto serra dell’Ue nel 2018.

Vacanze, località green dove andare non appena si potrà di nuovo viaggiare

La ricerca dell’AEA evidenzia come il trasporto marittimo aereo rappresentino rispettivamente una quota del 14% e del 13% delle emissioni, mentre il treno incide nella classifica per lo 0,4%. L’AEA ricorda, inoltre, quanto l’impatto delle emissioni del trasporto aereo calcolato sui chilometri per passeggero sia, sì, molto elevato, ma anche come viaggiare con un’automobile a benzina o diesel, specie se da soli, possa essere ancora più dannoso per il clima.

Viaggiare in maniera sostenibile e rispettosa. I consigli di Teresa Agovino

Secondo una ricerca della Comunità Ferroviaria Europea e dell’Unione Ferroviaria Internazionale, essendo il settore dei trasporti più elettrificato, il sistema ferroviario ha una limitata dipendenza dai combustibili fossili, la quale permette di rifornirsi di fonti energetiche rinnovabili. Inoltre, sebbene il sistema ferroviario a livello globale costituisca l’8% del trasporto passeggeri e il 7% del trasporto merci, esso utilizza solo il 2% dell’energia totale utilizzata dal settore dei trasporti.

Cambiamenti climatici, Ue pensa a tassa su trasporto aereo applicabile al carburante o ai biglietti

(Visited 16 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago