Agrifood Magazine - ItalpressVideo

Via libera alla riforma della Politica agricola comune – Agrifood Magazine

Condividi

In questo numero di Agrifood Magazine realizzato in collaborazione con ItalPress: 1)Via libera alla riforma della Politica agricola comune; 2) Nasce Parmelier, il corso per scoprire e degustare il parmigiano reggiano; 3)Torna il bando Agro Social; 4) Api a rischio con i pesticidi

1) Via libera alla riforma della Politica agricola comune: Via libera definitivo del Consiglio “Agricoltura e pesca” alla proposta di riforma della Politica agricola comune (Pac) 2021-2027, dopo tre anni di trattative e in seguito all’intesa trovata venerdì scorso da Commissione, Parlamento e Consiglio dell’Ue. La nuova PAC ha un bilancio di oltre 340 miliardi di euro, di cui 38 destinati all’Italia – 50 se si contano i finanziamenti nazionali previsti. Tra le novità dell’accordo, troviamo l’introduzione di Piani strategici nazionali che di fatto trasferiscono il potere e le responsabilità di attuazione della Pac da Bruxelles agli Stati membri. 49 miliardi sono invece riservati agli eco regimi, lo strumento che incentiva le pratiche agricole rispettose dell’ambiente.  I requisiti minimi che i beneficiari della Pac dovranno rispettare consistono nell’obbligo per ogni azienda agricola di dedicare almeno il 3% dei terreni coltivabili alla biodiversità e ad elementi non produttivi, con la possibilità di ricevere un sostegno tramite gli ecoregimi per raggiungere il 7%. Soddisfatto dell’accordo il  ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, per cui l’unico rammarico è quello di non aver reso la PAC più semplice.

Agricoltura, accordo in Europa sulla riforma della Pac

2) Nasce Parmelier, il corso per scoprire e degustare il parmigiano reggiano: Il Consorzio Parmigiano Reggiano lancia Parmelier, il corso di degustazione aperto a chef, consumatori e operatori del settore per scoprire, conoscere e degustare il famoso formaggio DOP.  Il progetto è stato annunciato a Milano nello spazio di ‘identità golose’ e partirà a settembre con una serie di incontri in presenza che includeranno momenti di assaggio e lezioni di analisi sensoriale. Durante l’evento è stato annunciato che la avvio di ‘identità di formaggio’, il ciclo di iniziative a carattere divulgativo e didattico dedicate alla cultura del formaggio e del Parmigiano Reggiano in particolare, che saranno ospitate a partire da negli spazi della internazionale della gastronomia a due passi da piazza della Scala.

 

3)Torna il bando Agro Social: ‘Agro Social: seminiamo valore’ è il programma di Confagricoltura and Japan Tobacco International Italia per l’agricoltura sociale, giunto alla seconda edizione dopo il successo dello scorso anno. Il bando è aperto a candidature per la realizzazione di progetti di agricoltura sociale, provenienti da ogni parte d’Italia. L’iniziativa si rivolge a tre categorie particolarmente colpite dagli effetti della pandemia: imprenditoria femminile, rilancio delle aree interne e sviluppo per il sud. L’obiettivo prioritario è contribuire alla riduzione del divario economico e sociale del paese, creare occupazione sostenere la transizione verde.

Api, in arrivo la prima polizza assicurativa per la tutela dai rischi del clima e delle malattie

4) Api a rischio con i pesticidi: I pesticidi stanno mettendo in pericolo le api e per questo è necessario definire un obiettivo specifico per proteggere le api da miele. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), le api impollinano 71 delle 100 colture che forniscono il 90% degli alimenti a livello mondiale. Tuttavia, il numero di api si è ridotto considerevolmente nel corso degli ultimi vent’anni. Un potenziale fattore di tale declino è stato individuato nell’uso di pesticidi. Per questo, gli Stati membri hanno preso in esame gli orientamenti forniti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), in base alle quali la Commissione europea ha proposto di stabilire un livello massimo consentito del 10% a livello Ue di riduzione delle dimensioni delle colonie di api da miele in conseguenza dell’esposizione ai pesticidi.

(Visited 38 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago