Attualità

VIA LATTEA IN PERICOLO. IN FUTURO SI SCONTRERA’ CON DUE GALASSIE VICINE

Condividi

Via Lattea. In futuro la Via Lattea e’ destinata a scontrarsi e fondersi con due galassie vicine, Andromeda e Triangolo, rispettivamente a circa 2,5 e 3 milioni di anni luce dalla nostra galassia.

Lo dimostrano gli ultimi dati del satellite dell’Agenzia spaziale europea (Esa) Gaia, che ha ricostruito in 3D i movimenti delle stelle delle due galassie che si trovano nel ‘giardino di casa’ della Via Lattea.

E’ quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista The Astrophysical Journal, coordinato da Roeland van der Marel, dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, negli Stati Uniti.

Lo studio ha usato i dati del 2018 di Gaia per ricostruire il destino della nostra galassia. Gaia ha misurato con estrema accuratezza la posizione e il movimento di migliaia di stelle all’interno delle galassie Andromeda e Triangolo.

“Avevamo bisogno di esplorare i movimenti tridimensionali delle galassie intorno alla Via Lattea, per ricostruire come si sono accresciute ed evolute, e come interagiranno”, ha spiegato Timo Prusti, uno dei responsabili di Gaia.

Lanciata dall’Esa nel 2013, Gaia e’ al momento impegnata a disegnare la piu’ precisa mappa in 3D dell’Universo intorno alla Via Lattea, e ha finora rilevato la posizione di circa 1,7 miliardi di stelle.

“Gaia e’ stata progettata per mappare le stelle della Via Lattea, ma questo studio – ha chiarito Prusti – dimostra che il satellite dell’Esa sta superando le nostre aspettative, permettendoci di guardare anche oltre la nostra galassia. Abbiamo, ad esempio, osservato getti curvi di materia e lunghe code di gas e stelle. Segno – ha concluso – che gia’ in passato Andromeda e Triangolo sono state protagoniste di fusioni con altre galassie vicine”.

(Visited 643 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago