AttualitàBreaking News

VIA DEL MANDRIONE CHIUSA PER CAVITA’ SOTTOSTANTI

Condividi

Via del Mandrione. La decisione di chiudere la strada è maturata per evitare che si potesse formare una vorgine.

“Abbiamo ricevuto una comunicazione da parte della Banca d’Italia – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Salvatore Vivace – con la quale siamo stati informati del cedimento del solaio in una cavità presente sotto la strada”.  La Banca d’Italia ha infatti una sua importante sede proprio in via del Mandrione, a ridosso delle mura dell’acquedotto Felice.

Qualche giorno fa ci era arrivata la seguente segnalazione:

AVVISO IMPORTANTE: VIA DEL MANDRIONE CHIUSA

Via del Mandrione è stata da poco chiusa in via precauzionale a causa della presenza di cavità sottostanti in avanzato stato di sgrottamento. La chiusura è stata progettata in maniera tale da garantire il rientro a casa di tutti i residenti della via e di tutti i lavoratori delle aziende di via del Mandrione. Sono immediatamente partite indagini approfondite che condurranno ad un intervento risolutivo. Il municipio VII si indaginiè fatto interamente carico del problema ed è pronto ed attrezzato per l’intervento che avverrà il prima possibile. Ci scusiamo per il disagio, ma la sicurezza dei nostri cittadini ha per noi priorità assoluta.

(Visited 649 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago