Breaking News

VIA CRUCIS ROMA, OGGI VENERDI SANTO AL COLOSSEO. BUS DEVIATI E METRO CHIUSE. TUTTE LE INFORMAZIONI

Condividi

Via Crucis Roma. Oggi venerdì 30 marzo dalle 21 alle 23 al Colosseo si svolgerà la tradizionale Via Crucis celebrata da Papa Francesco. Bus deviati e metro chiuse. Tutte le informazioni.

Iniziano le festività pasquali e come ogni anno questa sera, venerdì santo, ci sarà la Via Crucis a Roma. All’Anfiteatro Flavio, dalle 21:15, papa Francesco celebrerà la Via Crucis e al termine della solenne cerimonia parlerà ai fedeli.

Roma Servizi per la Mobilità  comunica, per ragioni di sicurezza, dalle 13 alle 23.30 saranno chiuse al traffico via dei Fori Imperiali (da piazza del Colosseo a piazza Madonna di Loreto), via Cavour, tra largo Venosta e largo Corrado Ricci, via degli Annibaldi, via Nicola Salvi, via Celio Vibenna e via di San Gregorio (in direzione Porta Capena). Per via Celio Vibenna e via di San Gregorio, in direzione piazza del Colosseo, la chiusura scatterà invece alle 15. Dalle 13 sarà chiusa la stazione Metro B Colosseo.

La Questura ha fatto sapere che sarà creata una doppia area di sicurezza  con nove varchi controllati con metal detector. Allerta che durerà anche a Pasqua.

Più o meno in contemporanea, in zona Centocelle, Via Crucis tra piazzale delle Gardenie, via Tor de’ Schiavi e viale delle Gardenie. Le linee 412, 450, 542, 544 e 558 potrebbero subire deviazioni o rallentamenti al passaggio dei fedeli. Sempre dalle 21, sull’asse della Tiburtina, sono tre gli eventi previsti. Le linee 111 e 544 incroceranno il percorso della Via Crucis delle parrocchie di San Romano Martire e Sant’Atanasio; a Santa Maria del Soccorso deviate le linee 309 e 450, mentre 311, 341 e 350 potranno cambiare strada per la processione a Casal de’ Pazzi.

(Visited 310 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago