Breaking News

EFSA CONFERMA TOSSICITA’ DEL VERDERAME. UE SI PREPARA A LIMITARNE L’USO

Condividi

Verderame. L’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha confermato la tossicità per l’ambiente del verderame e di altri composti di rame comunemente utilizzati in agricoltura.

Insostituibili per la viticoltura biologica, dal 2015 queste sostanze sono classificate come ‘candidate alla sostituzione‘ nell’ambito delle regole Ue sui chimici per le caratteristiche di persistenza, bioaccumulo e tossicità.

L’attuale licenza scade nel gennaio 2019 e per questo, Bruxelles ha deciso di proporre un rinnovo dell’autorizzazione per 5 anni (invece dei 15 di prassi) con riduzione dei limiti di utilizzo da 6 a 4kg all’ettaro l’anno.

“Sono consapevole dell’importanza di queste sostanze per gli agricoltori, in particolare i produttori bio – ha commentato il commissario Ue competente Vytenis Andriukaitis – ma la mia priorità è proteggere la salute e l’ambiente”.

Il solfato di rame inoltre, è la forma più tossica di rame per l’uomo.

Provoca gravi irritazioni alla pelle e agli occhi, mentre è tossico se ingerito.

Per l’Agenzia europea delle sostanze chimiche (Echa), può influire sulla fertilità, causare danni al feto o agli organi degli adulti dopo esposizione lunga o ripetuta.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago