Attualità

VENEZIA, GONDOLIERI RIMUOVONO DAI CANALI 600KG DI RIFIUTI

Condividi

Venezia.  I volontari dell’associazione gondolieri, coordinati dal Comune, si sono immersi nel rio dei Santi Apostoli a Cannaregio per rimuovere sporcizia e scarti depositati sui fondali. Hanno rimosso dai canali 600kg di rifiuti, soprattutto pneumatici.

Si tratta della prima di tre uscite in programma nelle prossime settimane frutto di una convenzione con il Comune di Venezia che si pone l’obiettivo di rimuovere soprattutto pneumatici finiti in acqua dopo essere stati utilizzati come parabordi delle imbarcazioni o rifiuti ingombranti depositati sui fondali.

RIFIUTI, ANCHE LA BASE ITALIANA IN ANTARTIDE FA LA DIFFERENZIATA

I volontari dell’associazione gondolieri, coordinati dal Comune, si sono immersi nel rio dei Santi Apostoli a Cannaregio per rimuovere sporcizia e scarti depositati sui fondali.  “Con il sindaco Luigi Brugnaro – ha detto il consigliere delegato alla Tutela delle tradizioni, Giovanni Giusto – abbiamo accolto subito la proposta dell’associazione, un esempio di sussidiarietà che coinvolge il pubblico e il privato a beneficio della cittadinanza. Stiamo raccogliendo numerosi pneumatici, ma anche bottiglie, antenne, transenne, scarti di qualsiasi tipo gettati dove l’occhio non vede, persino un bidet.

MARINE LITTER, OGNI MINUTO UN CAMION DI RIFIUTI FINISCE NEL MARE

“In particolare – ha aggiunto – ci sono molti cavalletti delle passerelle dell’ acqua alta, gettati da vandali che danneggiano realmente la mobilità dei cittadini. Un’operazione chirurgica che, grazie all’apporto di questi abili sub, continuerà nel tempo. L’amministrazione darà loro il sostegno necessario, anche perché – ha concluso Giusto – i gondolieri stanno lanciando un segnale molto forte di vicinanza ai problemi della comunità”.

(Visited 95 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago