AttualitàGood NewsPolitica

Unesco, Venezia evita la lista del Patrimonio in pericolo: la decisione dopo il bando alle grandi navi

Condividi

Unesco, Venezia evita la lista del Patrimonio mondiale dell’Umanità in pericolo. Lo ha deciso l’apposito Comitato.

Venezia evita di essere inserita nella lista del Patrimonio mondiale in pericolo dell’Unesco. Lo ha deciso il Comitato del Patrimonio mondiale Unesco, riunito nella 44ª sessione condotta in modalità virtuale da Fuzhou, in Cina. Il Comitato non ha accolto all’unanimità la proposta di inserire nella lista Venezia e la sua Laguna, come era stato richiesto dall’organo tecnico di valutazione International Council on Monuments and Sites (Icomos).

La decisione del Comitato Unesco è arrivata senza dubbio grazie al blocco del passaggio delle grandi navi nel bacino di San Marco e nel canale della Giudecca a partire dal prossimo 1º agosto. Il governo ha ribadito la piena e costante disponibilità di collaborare con Unesco e con il Centro del patrimonio Mondiale per garantire una accresciuta tutela del Sito emblematico di Venezia, tramite la preservazione del «Valore Universale Eccezionale» della Laguna.

Tra i più soddisfatti della decisione del Comitato Unesco c’è Enrico Giovannini. “La decisione si inquadra nella politica del governo per lo sviluppo sostenibile che viene perseguita con decisione attraverso interventi di sistema. La pandemia ha reso tutti consapevoli della necessità di vivere le città e il turismo in modo diverso, rispettando l’ambiente, riducendo le emissioni inquinanti, usando forme di mobilità sostenibili e integrate” – spiega il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili – “Per tutelare Venezia e la sua laguna non è stato soltanto decretato il blocco al passaggio delle grandi navi, ma si sta provvedendo al completamento del Mose, alla realizzazione delle opere di mitigazione ambientale, al miglioramento delle condizioni del porto di Marghera, allo sviluppo della mobilità sostenibile e veloce anche con l’ultimo miglio per il collegamento ferroviario all’aeroporto Marco Polo“.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago