CronacaCulturaTerritorio

Venezia, red carpet Biennale occupato da attivisti: “Il cambiamento climatico è reale”

Condividi

Attivisti No Global e “No Grandi Navi” provenienti  da tutta Europa hanno occupato oggi all’alba il Red Carpet della 76° mostra del Cinema al Lido di Venezia. Di fronte all’emergenza climatica anche lo star system deve fare la sua parte.

Il blitz è avvenuto a partire dalle 5 di questa mattina. Già dalle 8 ci sono state  aggregazioni spontanee di simpatizzanti e altri visitatori: si tratta di oltre 500 persone.

Clima, tornano in piazza gli attivisti di Fridays For Future

“In un giorno in cui gli occhi del mondo sono puntati sulla mondanità veneziana – scrivono in una nota gli attivisti qui al Lido per il Venice Climate Camp, “è importante ricordare a tutte e tutti che il cambiamento climatico non è un soggetto da film di fantascienza, ma è la realtà che stiamo già vivendo, una spirale che il capitalismo estrattivo ha innescato e non vuole fermare”.

Clima, l’Italia dichiari l’emergenza climatica. Firma la petizione su Change.org

I primi 300 attivisti sono partiti prima dell’alba dal Camp e alle 5, era ancora buio, hanno occupato il red carpet. Hanno indossato le tute bianche, attaccato cartelli e striscioni. Due ore dopo, alle 7, sono arrivati altri 200 ragazzi.

Carola Rackete: “L’emergenza climatica causerà sempre più tragedie nel Mediterraneo”

Governo, pronta la svolta green. Costa: “‘Subito decreto su cambiamenti climatici”

L’occupazione ha l’obiettivo di sensibilizzare sul clima, vogliono che la Mostra del cinema prenda posizione. Gli oltre 350 manifestanti  hanno volontariamente lasciato il tappeto rosso verso le 14  “per evitare qualunque scontro con le forze dell’ordine, anche se delusi dalla mancanza di risposte dalla Biennale e di un appoggio che speravamo da parte di qualche attore militante

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago