Attualità

Venezia, acqua alta anche a Natale. Continua l’allerta

Condividi

L’acqua alta a Venezia circonda l’albero di Natale di piazza S.Marco. Anche oggi i veneziani si sono svegliati con il suono delle sirene: la marea questa mattina ha raggiunto il picco massimo di 139cm. Un altro picco previsto per il giorno di Natale.

E dopo i 144 centimetri di ieri, anche stamattina nel centro storico di Venezia l’alta marea ha sfiorato alle 8,45 i 140 cm, facendo segnare quindi un nuovo record per il numero di acque alte eccezionali durante l’anno.

Venezia, a rischio pesci e uccelli. Spiagge devastate e invase da detriti

E anche domani, giorno di Natale, secondo le previsioni del Centro maree del Comune di  Venezia, alle 9.30 si dovrebbe registrare un picco di 120 centimetri. Altre massime si verificheranno nei giorni successivi, ma di livello inferiore.

Acqua alta a Venezia, il racconto dei cittadini al The Guardian: “Colpa della politica, solo chiacchiere”

Venezia in piena emergenza climatica. Ma c’è sempre tempo per un selfie

Sono suonate poco dopo le 4 di questa mattina le sirene che avvertono i veneziani dell’imminenza di un nuovo picco di acqua alta. Viene peraltro smentita la notizia, apparsa nella notte su vari social, che per contrastare questo ennesimo fenomeno di acqua alta si fosse deciso di far alzare le paratoie del Mose a Treporti e metterlo in azione per la prima volta.

Costa: “Non basta il Mose per salvare Venezia, il cambiamento climatico è sotto i nostri occhi”

I tecnici che si occupano della gestione del Mose infatti non hanno mai ricevuto l’ordine di far alzare le paratoie di Treporti, in vista del nuovo picco di marea di questa mattina.

L’ultima acqua alta devastante in città è stata quella del 12 novembre scorso, quando la massima ha raggiunto 187 centimetri.

Venezia, cresce senza freno l’acqua alta: la più alta marea mai registrata

 

Foto copertina: Matteo Tagliapietra/Interpress

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago