Roma

Valle Galeria, pattumiera di Roma per 50 anni. Cittadini in piazza: “Basta discariche”

Condividi

Il sito Monte Carnevale come nuova discarica di Roma. Non si torna indietro su questa decisione nonostante le promesse. I cittadini sono scesi in piazza sabato 11 gennaio contro Malagrotta bis: “Siamo solo all’inizio di questa battaglia”.

Basta con le discariche nella Valle Galeria. Il contributo video di un gruppo instancabile di combattenti per la Valle Galeria Libera. Monte Carnevale non può subire la stessa sorte di Malagrotta.

La Valle Galeria è stata la pattumiera di Roma per 50 anni, pagando in termini di distruzione ambientale, in termine di salute pubblica, con un tasso di tumori del 28% superiore alla media cittadina.

Valle Galeria, manifestazione dei cittadini contro la nuova discarica di Roma

Non dimentichiamoci che nella Valle Galeria sono stati indicati anche altri siti che non possono essere considerati in alcun modo moneta di scambio e che per quello di Monte Carnevale è stato chiuso l’iter autorizzativo per una discarica di inerti il 27 dicembre.

Discarica Monte Carnevale, la rivolta M5S e dei cittadini: i motivi per dire NO al nuovo impianto

L’appello dei cittadini:

“L’unico intervento ammissibile nella Valle Galeria è quello volto al Risanamento e alla Bonifica delle devastazioni di decenni, a garanzia della salute pubblica degli abitanti e per restituire un habitat a specie animali e vegetali meravigliose.

Pretendiamo una gestione dei rifiuti finalmente virtuosa, che rispetti in primis i cittadini ed i territori; che le Amministrazioni che nei decenni hanno fallito, trovino le soluzioni degne della Città che il mondo ci invidia! Non compete a noi fornire i rimedi a decenni di una gestione scellerata e meramente speculativa; gli amministratori siano all’altezza dei loro compiti e delle responsabilità assunte davanti alle leggi ed agli impegni presi con la cittadinanza”.

Monte Stallonara, la terra che brucia. I residenti: cosa stiamo respirando?

Sabato 11 gennaio Cittadini e Comitati in strada per difendere il proprio territorio, la salute di tutti e di chi verrà dopo di loro, per denunciare l’ennesimo sopruso della politica che un giorno promette e l’altro rinnega.

“Malagrotta è stata per decenni la mangiatoia di specie, come i gabbiani e le cornacchie, che grazie all’enorme disponibilità di cibo sono proliferate. Oggi ci lamentiamo perché sono diventati animali problematici”, avverte Alessia De Lorenzis, responsabile LIPU nell’Oasi di Castel di Guido. A poche centinaia di metri da Monte Carnevale, c’è  anche un sito d’interesse comunitario, la riserva naturale di Macchia Grande.

Non si parla più di sviluppo e di un programma a lunga scadenza dell’incremento della differenziata, della diminuzione della produzione dei rifiuti, della tariffazione puntuale, di nuovi centri di trasferenza , di nuove isole Ecologiche che sono le stesse del periodo 2011-2013 ed ora ritorna l’unica ipotesi quella di una nuova discarica nella Capitale e dell’ampliamento della raccolta con i cassonetti stradali – afferma Piergiorgio Benvenuti, ex presidente Ama E’ la certificazione che siamo passati da un programma ”green” verso Rifiuti Zero del periodo 2011-2014 , al fallimento totale nella gestione e nel trattamento dei rifiuti a Roma ad opera della Regione Lazio guidata da Zingaretti e da Roma Capitale a guida Raggi. Per questo domani come esponenti di Ecoitaliasolidale saremo presenti alla manifestazione organizzata dai Comitati dei cittadini nella Valle Galeria“.

Cambiamo il futuro della Valle Galeria! #valleGaleriaLibera

(Visited 9 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago