Vaccino HPV, protetti anche gli uomini dal tumore testa-collo

Protegge anche da altri tumori il vaccino contro l’HPV. Nato per difendere le donne dal tumore al collo dell’utero, il vaccino si è dimostrato capace di contrastare l’insorgenza del tumore testa-collo negli uomini.

Una nuova ricerca ha dimostrato un’evidente riduzione dell’incidenza del tumore in ragazzi e uomini che si erano sottoposti al vaccino contro il Papillomavirus. I risultati della ricerca verranno presentati alla prossima conferenza della American Society of Clinical Oncology. Analizzando i dati clinici di oltre 3milioni e mezzo di statunitensi vaccinati di età compresa tra i 9 e i 39 anni, è emerso come il vaccino abbia protetto il 54% degli uomini e il 30% delle donne sottoposti a vaccinazione.

Il virus è responsabile di quasi tutti i tumori del collo dell’utero, per questo in un primo momento venne consigliato solo alle giovani donne nell’età che in media precede i primi rapporti sessuali. L’evidenza scientifica mostra che il virus è legato all’insorgenza del 70% dei tumori testa-collo e ai tumori del pene, dell’ano e della vagina. Il papillomavirus solitamente infetta dei giovani e impiega decenni prima di causare un tumore. Da qui nasce la raccomandazione di sottoporre a vaccinazione tanto ragazzi che ragazze.

Le evidenze mostrano inoltre che anche vaccinandosi in età adulta l’immunizzazione svolge un ruolo protettivo per questo è adesso consigliata fino ai 45 anni.