Italpress

Vaccini, un sondaggio: cresce la fiducia in Johnson & Johnson

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – Per una vaccinazione più capillare ed efficiente, 3 italiani su 4 sarebbero favorevoli a rendere il vaccino obbligatorio, non solo per gli operatori sanitari, ma anche per tutti i cittadini (il 46,4% per tutti, il 30,5% solo per i sanitari). E’ quanto risulta da un sondaggio di Euromedia Research.
Dopo le sospensioni, la fiducia nel vaccino Astrazeneca (ora Vaxzevria) continua ad avere un andamento altalenante, mentre crescono le preferenze per il siero Johnson&Johnson, anche se ancora non ufficialmente in fase di somministrazione. In testa alle preferenze del campione resta tuttavia Pfizer
Il piano di vaccinazione non sempre è stato rispettato e, nel caso della copertura degli over 80, sono state percepite importanti differenze a livello regionale da quasi la metà del campione. Percezioni molto più forti soprattutto nelle aree del Nord Ovest del Paese e al Sud, mentre le regioni del Nord Est sono quelle che, in prevalenza, credono non ci siano difficoltà nell’andamento delle vaccinazioni.

Dati Euromedia Research – Realizzato il 31/03/2021 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 1.000 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne
(ITALPRESS).

(Visited 11 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago