Cultura

Vacanze, località green dove andare non appena si potrà di nuovo viaggiare

Condividi

Siamo ormai rientrati in condizione grave di pandemia, ma perché smettere di sognare? Quando riprenderemo a viaggiare perché non farlo in modo sostenibile? Ecco alcune delle migliori tappe green da visitare almeno una volta nella vita.

Stoccolma, Svezia

Prima a vincere nel 2010 il riconoscimento dalla Commissione europea come Capitale Verde, la Svezia, composta per il 30% da foreste intatte e con laghi, fiumi, foreste che regalano scenari spettacolari, è fra le nazioni più sostenibile al mondo, mirando ad essere completamente indipendente dai combustibili fossili entro il 2050. Oltre tutto ciò in Svezia si trova il primo edificio riscaldato a calore corporeo. “Kungsbrohuset” questo è il nome del primo edificio con sistema geotermico che cattura il calore di oltre 200.000 pendolari trasformandolo in acqua per il riscaldamento.

Turismo sostenibile, “non è importante dove si viaggia ma come”. Intervista alla travel blogger Valentina Miozzo

Lubiana, Slovenia

Composta da cascate e montagne, da città pulite e splendide coste, la Slovenia è in prima linea per il rispetto dell’ambiente; nel settore agricolo, per esempio, punta su coltivazioni con attività più sostenibili come il biologico. Vincendo il riconoscimento di Capitale verde europea nel 2016, la città è abitata da cittadini modello che si sforzano molto per proteggerla. Con orgoglio questi ultimi possono vantarsi di avere l’acqua del rubinetto più pulita d’Europa, e per accedervi tutti da aprile ad ottobre ci sono fontanelle pubbliche in tutta la città. Per il trasporto, le persone si sposta in bici o a piedi, ma ci sono anche treni elettrici urbani o autobus a gas naturale.

Reykjavik, Islanda

Nazione in cui la natura regna sovrana, l’Islanda il primo paese a cui si pensa se si parla di “vacanze green”. In Islanda si vive in simbiosi con la natura tra escursioni di trekking sul ghiaccio, piscine termali, birdwatching ed escursioni a cavallo. La nazione è considerata uno dei posti più belli al mondo e si impegna per rimanere tale. Utilizzando il 99,5% dell’energia ricavata da fonti rinnovabili, la capitale, Reykjavik ha il più grande sistema di riscaldamento geotermico del mondo per il 90% delle abitazioni. Come obiettivo del 2050 il governo ha dichiarato di voler rendere Reykjavik completamente priva di combustibili fossili.

Vancouver, Canada

Con un piano d’azione che mirava a diventare città più verde entro il 2020, Vancouver ha supportato moltissimo gli spostamenti con le biciclette, ha molti parchi eolici, spazi verdi e il comune incoraggia persino i cittadini all’hobby dell’apicoltura, un ottimo modo di vivere in modo sostenibile.

Viaggiare in maniera sostenibile e rispettosa. I consigli di Teresa Agovino

E in Italia?

Per chi non amasse molto spostarsi dall’Italia ha recentemente aperto l’Oasy Hotel, uno dei primissimi all’interno di una riserva Wwf. Situato a San Marcello in Toscana offre 18 lodge in legno a basso impatto ambientale in un’ex riserva di caccia, 2 ristoranti e i cavalli di proprietà che pascolano nei dintorni. All’interno della riserva ci si muove in bici elettriche, si fanno attività come yoga tra gli alberi, lezioni di equitazione, escursioni guidate nella riserva, per avvistare uccelli, cervi e lupi. Prossima apertura pianificata in Sardegna.

Viaggio nelle Gole del Farfa, una riserva naturale regionale ‘dimenticata’

Di Beatrice Soverini

(Visited 48 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago