Attualità

Vacanze, 1 italiano su 5 partirà con il proprio animale domestico

Condividi

Vacanze. Sarà un italiano su cinque (il 19%) quest’estate a partire per le vacanze con il proprio animale domestico. Un dato in crescita, rispetto agli anni precedenti, proprio grazie alla sempre più diffusa cultura dell’ospitalità “pet friendly” lungo tutta la penisola italiana. Sono i numeri dell’analisi Coldiretti/Ixè, pubblicata in occasione del primo weekend da bollino rosso della stagione.

Secondo l’analisi, appena un 13% rinuncia a portare il suo animale in vacanza perché non è possibile accogliere nella struttura di permanenza cani e gatti ma anche uccelli conigli, tartarughe e pesci.

Vacanze, aperte le iscrizioni per i campi scuola ‘Anch’io sono la protezione civile’

“L’ accresciuta disponibilità purtroppo non ha ancora debellato completamente la piaga degli abbandoni che – denuncia la Coldiretti – registra il picco proprio nei mesi estivi in
cui si calcola che vengano lasciati per strada circa 20mila cani al mese”.

Dal rapporto, emerge poi che la maggioranza dei 39 milioni di italiani in viaggio per vacanze quest’estate, ha scelto di alloggiare in case di proprietà, di parenti e amici o in affitto dove si cerca di ricreare l’ambiente domestico per ridurre al minimo lo stress del cambiamento.

Tra le soluzioni abitative preferite dagli italiani in vacanza troviamo nell’ordine: alberghi, bed and breakfast, agriturismi (che nella maggioranza dei casi sono in grado di garantire agli amici animali domestici una meritata vacanza all’insegna della riconquista della libertà e della vicinanza ai loro padroni).

Animali, “Se abbandoni, sei complice!”: parte la campagna estiva di Roma Capitale

In vetta alla classifica delle mete preferite, resta la vacanza al mare, scelta dal 70% degli italiani.

Al secondo posto, le città d’arte a pari merito con parchi, oasi, riserve e mete di campagna e infine la montagna.

In base a questo andamento – ricorda la Coldiretti – sono sempre più numerose, le spiagge che offrono ospitalità agli animali, ai quali in alcuni casi vengono offerti anche servizi di svago e di pulizia.

Come viaggiare con l’animale:

  • Viaggio: vanno garantite le condizioni migliori per sopportare il grande caldo, a partire da un’adeguata scorta di acqua.
  • Durante la vacanza: gli animali passeranno gran parte del tempo all’aperto, dove è probabile l’incontro con altri animali. E’ quindi consigliabile una visita dal veterinario per una verifica di tutte le vaccinazioni.
  • Da portare in valigia: scorte del cibo preferito dal proprio pet, qualche giocattolo per farlo sentire a casa e anche un kit del pronto soccorso con disinfettante, garze, cerotti per animali, una pinzetta per asportare corpi estranei dalle zampe.
  • Tenere sotto occhio il cane: in un luogo nuovo, il cane o l’animale da compagnia potrebbe avere dei comportamenti anomali e disturbare altre persone. Tranquillizzare l’animale, senza mai perderlo d’occhio, mantenendo pulite e raccogliendo le deiezioni, nonché fare attenzione a rispettare le regole del buon senso e dell’educazione.

È fondamentale ricordare che ad oggi non è presente un’anagrafe canina nazionale, per cui se il cane viene smarrito in un’altra regione, anche con il microchip è difficile risalire al proprietario e potranno essere necessari diversi mesi prima di poterlo ritrovare.

(Visited 48 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago