Un nuovo modo di conoscere e tutelare la biodiversità del Mediterraneo, una proposta di turismo responsabile dedicata a giovani amanti del mare, che si pone come momento formativo, di sensibilizzazione e di partecipazione con le comunità locali.

Un’immersione nel Mediterraneo attraverso una proposta di turismo sostenibile, dedicata ai giovani tra i 18 e i 30 anni, che ha l’obiettivo di far conoscere un territorio ricco di natura, storia e cultura e allo stesso tempo di acquisire informazioni e metodi tecnico/scientifici sulla tutela ambientale, in un percorso di formazione individuale e sociale.

Si è scelta la Sicilia come prima edizione, per l’estate 2021 le Vacanze Blu con Marevivo fanno tappa a Finale di Pollina, località a pochi chilometri da Cefalù, un comune che offre varie possibilità di esplorare ambienti marini e terrestri, aree ad alto valore naturalistico, storico e antropologico, nel territorio del Parco delle Madonie.

Ambiente, Marevivo premia ad Alicudi la scuola più piccola d’Europa

“L’idea di proporre ai giovani questo tipo di esperienze” dice Lucia Vitale, operatrice di Marevivo Onlus che accompagnerà i ragazzi in questo percorso, “nasce dalla voglia di far conoscere ed apprezzare un territorio che può offrire molto ma che ancora non è adeguatamente valorizzato e protetto ma soprattutto dal desiderio di trasmettere saperi e conoscenze alle nuove generazioni per motivarli nella ricerca di uno stile di vita sostenibile e consapevole, fornendo loro gli strumenti e le motivazioni per diventare protagonisti del cambiamento che tutti ci auguriamo.

Vacanze Blu nascono dalla collaborazione tra l’associazione ambientalista Marevivo Onlus e la cooperativa e tour operator di turismo responsabile Palma Nana, per offrire ai giovani partecipanti di sperimentare una vacanza diversa, dove si collabora e ci si confronta con persone che condividono lo stesso interesse e amore per la natura, dove, attraverso il piacere della scoperta, si diventa viaggiatori curiosi e rispettosi, dove si ha l’opportunità di imparare attraverso emozioni e sensazioni, dove si conosce chi vive nel territorio, le loro storie e il loro vissuto, dove si possono fare esperienze di crescita non solo culturale ma soprattutto di consapevolezza del nostro ruolo e delle nostre responsabilità come esseri viventi e come parte di una società.

Marevivo, tutela del mare nel PNRR. Giugni: “L’inserimento ci ha dato un po’ di conforto”

L’iniziativa supporta la Campagna di Marevivo “Adotta una spiaggia”: durante la settimana i partecipanti coinvolgeranno la comunità locale in attività di pulizia e monitoraggio della spiaggia di Finale di Pollina, selezionata tra le spiagge della Campagna, ma anche attività didattiche/educative, finalizzate allo studio delle caratteristiche ambientali di quel tratto di costa, per tutelarla e valorizzarla, in collaborazione con enti e le istituzioni locali. Il progetto coinvolge inoltre il Comune di Pollina che supporterà le attività mettendo a disposizione servizi e mezzi oltre a patrocinare l’iniziativa, insieme al Parco delle Madonie e alla Guardia Costiera.

Articolo precedenteGamenet completa l’acquisizione, nasce la nuova Lottomatica
Articolo successivoForeste, la buona notizia: dal 2000 ricresciute in un’area grande come la Francia