Riciclo e Riuso

USA, sospesi i divieti sulle buste di plastica per contenere la diffusione del coronavirus

Condividi

Alcuni Stati negli USA hanno sospeso i divieti sulla vendita di buste di plastica per paura che il coronavirus sopravviva sulle buste riutilizzabili e possa diffondersi grazie ad esse.

Alcuni Stati negli Stati Uniti hanno deciso di sospendere li divieto sulla vendita di buste di plastica a seguito delle preoccupazioni sulla diffusione del coronavirus attraverso le buste riutilizzabili. Alcuni virus sono in grado di sopravvivere su queste buste fino a 9 giorni ma non ci sono ancora prove sull’effettiva durabilità del coronavirus su questo tipo di superfici.

Microplastiche, le produciamo ogni volta che apriamo buste e bottiglie di plastica

La scorsa settimana la Massachusetts Food Administration ha chiesto al governatore Charlie Baker di annullare il divieto sulle buste di plastica in molte città dello Stato per timore che il contatto con le buste riutilizzabili possa rappresentare una minaccia per i dipendenti dei negozi alimentari. Anche gli Stati confinanti col Massachusetts stanno prendendo iniziative simile. Lo Stato di New York, il cui divieto sulle buste di plastica è entrato in vigore il 1° marzo, ha deciso di sospenderlo temporaneamente almeno fino al 15 maggio come spiegato dal Department of Conservation (DEC). Nonostante questo lo Stato comunque incoraggia i consumatori ad utilizzare buste riutilizzabili.

New York, entra in vigore il divieto sulle buste di plastica monouso

DEC incoraggia ancora i newyorkesi nella transizione verso buste riutilizzabili, utilizzando le precauzioni necessarie per mantenerle pulite” ha spiegato Erica Ringewald, portavoce del Dipartimento “Il divieto sulle buste monouso nello stato è entrato in vigore il 1 marzo e i negozi si stanno adeguando ad esso”. “Gente, se siete preoccupati per la pulizia della vostra busta riutilizzabile, per favore prendete in considerazione l’ipotesi di lavarla come fate per i vestiti o le mani” ha twittato il Commissario del DEC Basil SeggosI newyorkesi sono soddisfatti del divieto sulle buste e non sono interesse a fare un passo indietro”.

Lo Stato del New Hampshire è andato in una direzione opposta; il Governatore Chris Sununu ha vietato l’utilizzo di buste riutilizzabili, imponendo ai negozi l’utilizzo di buste di carta o di plastica: “I nostri alimentari sono in prima linea durante l’emergenza per assicurarsi di rifornire le famiglie del New Hampshire. Dato il rischio per la comunità è importante che i clienti lascino le buste riutilizzabili a casa”. Nel Maine, il divieto sulle buste di plastica sarebbe dovuto entrare in vigore nel “Giorno della Terra” il 22 aprile, ma il coronavirus ha costretto lo stato a rivedere il piani. Il Governatore Janet Mills ha annunciato che il divieto entrerà in vigore il 15 gennaio 2021: “Queste misure d’emergenza serviranno a contenere la diffusione del virus nel Maine”.

 

La Cina vieta la plastica monouso: si parte dai sacchetti

L’improvviso stravolgimento delle politiche volte a ridurre la quantità dei rifiuti mette a rischio i risultati ambientali ottenuti fino a questo momento secondo la società di consulenza BloombergNEF: “Le preoccupazioni sull’igiene alimentare dovute a COVID-19 potrebbero aumentare l’utilizzo degli imballaggi in plastica, annullando alcuni dei passi fatti dalle aziende verso un’economia circolare“.

(Visited 46 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago