ClimaPolitica

USA, Sanders e Ocasio-Cortez: “Biden dichiari l’emergenza climatica!”

Condividi

Il senatore Bernie Sanders e la deputata Alexandria Ocasio-Cortez hanno presentato un disegno di legge per spingere il neopresidente americano Joe Biden a dichiarare l’emergenza climatica, come segnale della necessità di agire in modo concreto e in tempi brevi contro la crisi ambientale.

Con i democratici alla guida del Congresso e della Casa Bianca, i legislatori progressisti, tra cui il senatore Bernie Sanders e la rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez, stanno spingendo l’amministrazione Biden ad agire in modo sempre più aggressivo sul cambiamento climatico.

Una settimana dopo che il presidente Joe Biden ha firmato ordini esecutivi intesi a combattere i peggiori effetti del riscaldamento globale, Sanders, Ocasio-Cortez e altri legislatori lo hanno esortato ad andare ancora oltre e a dichiarare un’emergenza nazionale sul cambiamento climatico.

 


Insieme ad altri legislatori liberali, il senatore indipendente del Vermont e la deputata democratica di New York hanno introdotto una legislazione alla Camera e al Senato chiedendo a Biden di dichiarare un’emergenza climatica nazionale.

Una tale dichiarazione darebbe a Biden più potere per combattere il riscaldamento globale, incluso il ripristino del divieto di esportazione di petrolio greggio e la costrizione delle aziende a produrre pannelli solari, elettrici, stazioni di ricarica per auto e altri elementi della cosiddetta green economy.

DiCaprio e altre star di Hollywood scrivono a Biden per incoraggiarlo ad essere “il presidente del clima”

I legislatori hanno introdotto una risoluzione simile nel 2019, ma questa volta hanno un sostegno di alto livello, inclusa una recente dichiarazione del leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer secondo cui Biden dovrebbe prendere in considerazione la dichiarazione di emergenza per intraprendere ulteriori azioni sul clima.

A differenza dello “stupido muro” di Trump, il cambiamento climatico è una vera crisi, ha detto Schumer. “Dobbiamo fare qualcosa per il clima. Non abbiamo più tempo. “

Emergenza climatica, l’umanità è a 100 secondi dall’estinzione

Il disegno di legge che richiede una dichiarazione di emergenza affronta una strada in salita al Senato, dove è necessaria una soglia di 60 voti. Finora, solo quattro senatori hanno firmato il disegno di legge, che deve affrontare la dura opposizione dei repubblicani e la probabile resistenza dei democratici moderati.

Ocasio-Cortez, una dei sostenitori del Green New Deal e, come Sanders, un eroe della sinistra progressista, ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno fatto progressi da quando i legislatori hanno introdotto la risoluzione di emergenza quasi due anni fa.

 


Ma ora dobbiamo affrontare il momento“, ha detto. “Non abbiamo tempo e scuse. Il nostro Paese è in crisi e per affrontarla dovremo mobilitare le nostre risorse sociali ed economiche su vasta scala. Dobbiamo iniziare definendo questo momento quello che è: un’emergenza nazionale “.

La legislazione è sostenuta da decine di gruppi ambientalisti che hanno spinto Biden ad agire rapidamente e in modo aggressivo sul cambiamento climatico.

USA, il giuramento del presidente Biden: “L’America deve essere migliore di come è adesso” VIDEO

Siamo in un momento di svolta nella nostra storia, mentre affrontiamo una crisi climatica che richiede una voce fragorosa e una piena mobilitazione di ogni settore per adeguarsi alle sue dimensioni e alla sua urgenza“, ha affermato Varshini Prakash, direttore esecutivo del Sunrise Movement, che ha contribuito alla stesura del Green New Deal.

La proposta di emergenza “è un buon segno che i nostri leader stanno finalmente capendo cosa gridano dai tetti per anni i giovani e gli attivisti per il clima: bisogna agire ora per salvare la nostra umanità e il nostro futuro“, ha detto.

(Visited 54 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago