La NASA, l’agenzia spaziale americana, fornirà alla Task Force voluta da Biden tutte le informazioni fornite dai suoi satelliti per la lotta all’emergenza climatica.

In qualità di agenzia leader nell’osservazione e nella comprensione dei cambiamenti ambientali sulla Terra, la NASA è entrata a far parte della National Climate Task Force voluta dal Presidente Joe Biden.

Dal lancio del primo satellite meteorologico nel 1960, il Television and Infrared Observation Satellite (TIROS-1), la NASA ha utilizzato il vantaggio della visione dallo spazio per studiare la Terra. Rimane l’unica agenzia spaziale al mondo che fornisce ricerche end-to-end sul pianeta blu per analizzare e comprendere i processi coinvolti.

Alberi, dalla NASA supercomputer e intelligenza artificiale a tutela della natura

Il cambiamento climatico è uno dei problemi più urgenti che dobbiamo affrontare oggi“, ha affermato Gavin Schmidt, consulente climatico senior della NASA e direttore del Goddard Institute for Space Studies della NASA a New York. “Data la nostra capacità unica di osservare il pianeta dallo spazio e i record di dati a lungo termine che siamo stati in grado di raccogliere, la NASA è in una posizione privilegiata per informare le decisioni politiche nell’attuale amministrazione e oltre”.

 


Più di due dozzine di satelliti della NASA misurano l’altezza degli oceani e delle acque interne, le nuvole e le precipitazioni, l’umidità del suolo, l’anidride carbonica e altro ancora. I dati raccolti aiutano a migliorare le previsioni meteorologiche, informare le pratiche agricole e aiutano i responsabili delle decisioni a tutti i livelli di governo e del settore privato.

Clima, NASA e ESA useranno i satelliti per studiare insieme lo scoglimento dei ghiacci antartici

Oltre ai satelliti per l’osservazione della Terra, la NASA sta sviluppando tecnologie di modellazione predittiva per esaminare scenari specifici  e condurre ricerche che contribuiscano agli sforzi di sostenibilità a livello governativo e alla comprensione del cambiamento climatico. Per ridurre gli impatti ambientali dell’aviazione, la NASA sta conducendo ricerche per velivoli ad alta efficienza energetica che impiegano tecnologie come strutture leggere, aerodinamica trasformativa e propulsione ibrida-elettrica.

 


Attraverso le sue osservazioni a lungo termine della Terra, fornendo informazioni su come il pianeta sta cambiando, sforzi per contribuire a un’aviazione sostenibile e coltivando partnership con il settore privato, la NASA è già pronta ad aiutare la task force ad affrontare le questioni più urgenti del cambiamento climatico.

Articolo precedenteM’illumino di meno 2021, torna la Giornata del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili
Articolo successivoAmbiente, i faraglioni di Capri devastati dai pescatori abusivi VIDEO