Attualità

Coronavirus, spiagge affollate in California nonostante l’ordine di stare a casa

Condividi

Migliaia di californiani si sono recati in spiaggia lo scorso weekend, ignorando l’ordine di stare a casa, ma rispettando le misure di sicurezza.

Migliaia di persone hanno affollato le spiagge della California meridionale in cerca di un po’ di svago durante un’ondata di calore “estiva“, nonostante l’ordine di stare a casa imposto dal Governatore Gavin Newsom sia ancora effettivo. Le Contee di Los Angeles e San Diego hanno chiuso le proprie spiagge ma quelle di Ventura e Orange sono state rimaste aperte e le persone, pur rispettando le misure di sicurezza, hanno deciso di violare le restrizioni e passare la giornata al mare.

USA, gli operatori sanitari interrompono una protesta contro la quarantena VIDEO

E’ una giornata bellissima” ha raccontato Fran Feerini da Huntigton BeachCome fai a chiedere alle persone di stare a casa. Penso che le persone vogliano uscire. Pensano di essere state rinchiuse, diventeranno pazze”. Le temperature hanno raggiunto i 33°C durante il fine settimana. Le autorità delle due contee hanno spiegato che le persone si sono comportate eccellentemente, rispettando le distanze sociali anche in spiaggia. “Le persone collaborano e rispettano il distanziamento sociale” ha raccontato Brian O’Rourke, capo dei bagnini della Newport Beach. Entro domenica le temperature scenderanno in tutta la regione ma non abbastanza da impedire alle persone di recarsi al mare. “Ho visto alcuni amici che non vedo da sei settimane, siamo stati insieme rispettando il distanziamento” ha raccontato Nick Rosenfeld di Malibu. “Ma è dura. Dobbiamo tornare a lavoro. Sono un personal trainer disoccupato e questa è la prima volta che esco di casa per così tanto tempo”.

Coronavirus, Trump sospende temporaneamente l’immigrazione negli Stati Uniti

Le immagini delle spiagge di Ventura e Orange County erano in netto contrasto con le vicine spiagge della California meridionale. Secondo il divieto della contea di Los Angeles le spiagge rimarranno chiuse fino al 15 maggio e anche la pista ciclabile di circa 30 km che percorre la costa è stata chiusa. Il Dipartimento dello sceriffo della Contea ha pubblicato un messaggio per i residenti sui social per ricordare che i divieti sono ancora effettivi e la Contea ha anche disposto delle strutture per permettere ai californiani di affrontare l’ondata di calore senza dover andare in spiaggia. Anche le spiagge di San Diego sono sottoposte ad un simile divieto, sebbene le autorità abbiano spiegato che a partire da lunedì sarà possibile entrare in acqua per nuotare, fare surf e kayak. Il Capo della polizia di Los Angeles, Michel Moore ha fatto i complimenti ai residenti per aver rispettato i divieti, postando sui social le immagini delle spiagge della contea deserta: “I miei complimenti vanno alla nostra comunità per essere rimasta lontana dalle spiagge di LA. Malibu, Santa Monica, Venice, Dockweiler, tutte libere. Restare a casa ci aiuterà a tornare il prima possibile”.

Coronavirus, Trump attacca OMS: “Ha fallito”. Sospesi i finanziamenti

In un annuncio Jesse Melgar, addetto stampa del Governatore, ha spiegato: “La California è orgogliosa della grande maggioranza dei leader locali che sta aiutando i propri cittadini a stare a casa e a salvare vite. L’accesso ai parchi pubblici, alle spiagge e agli spazi aperti comporta la responsabilità di assicurare condizioni sicure e rispettare l’ordine dello Stato. Abbiamo fatto troppo per rischiare di compromettere tutto”.

(Visited 200 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago