Animali

USA, Donald Trump Jr ottiene il permesso per cacciare grizzly in Alaska

Condividi

Donald Trump Jr potrà cacciare grizzly in Alaska, essendo uno dei tre cacciatori ad aver presentato la richiesta per il permesso su 27 posti disponibili.

Donald Trump Jr ha ottenuto il permesso per prendere parte alla battuta di caccia di un grizzly nella città di Nome in Alaska, vicino al Mar di Bering. Il figlio del Presidente degli Stati Uniti è una delle tre persone che hanno fatto la domanda di partecipazione per i 27 posti disponibili per cacciatori non residenti nella città di Nome nella Seward Peninsula nel Nord Est dell’Alaska, come spiegato da Eddie Grasser, direttore della conservazione della fauna presso l’Alaska Department of Fish and Game.

Trump presenta il bilancio 2021: tagli alla ricerca e all’ambiente

Lo Stato dell’Alaska crea periodicamente delle lotterie, i cui vincitori ottengono il permesso per cacciare orsi, renne, alci e altri animali nella regione. Solitamente ci sono molti più partecipanti che permessi disponibili. “Partecipano migliaia di cacciatori ogni volta” e il vincitore viene scelto “per pura fortuna”. Ma nel caso del permesso di caccia di Trump Jr la competizione è stata assente. 24 richieste di partecipazione infatti non sono state reclamate.

Educare alla caccia? Ecco cosa si dovrebbe studiare a scuola. La proposta di Donazzan

Per poter proseguire, Trump Jr dovrà pagare una tassa di 1000 dollari non essendo residente, più altri 160 per la licenza di caccia. Il figlio più grande del presidente è un famoso cacciatore, che ha preso più volte parte a battute di caccia in Alaska e Canada. Oltre a quella del grizzly, nel 2020 Trump Jr visiterà nuovamente l’Alaska per cacciare cervi e papere.

Elefanti, la caccia torna legale in Botswana: basterà pagare duemila euro a uccisione

Il Safari Club questo mese ha creato una lotteria con in palio una spedizione di sette giorni di una “caccia ai sogni” da 150.000 dollari con Trump Jr. Il vincitore della lotteria avrà la possibilità di accompagnare il figlio del Presidente su uno yacht che viaggerà a novembre lungo le aree costiere della foresta nazionale di Tongass.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago