InquinamentoPolitica

USA, per colpa di Trump sarà possibile costruire megastrutture senza preoccuparsi delle conseguenze ambientali

Condividi

Mentre il rivale alla Casa Bianca Joe Biden annuncia un “piano ambientale” da 2 triliardi di dollari il Presidente Donald Trump commette l’ennesimo sgarro all’ambiente: per costruire megastrutture non sarà più necessario tenere in considerazione le conseguenze ambientali del progetto.

Ennesimo, forse ultimo, colpo ai danni dell’ambiente da parte del Presidente americano Donald Trump.

Approfittando degli ultimi giorni del primo mandato, il presidente Trump ha annunciato una “revisione dall’alto verso il basso” dei trattati che regolano una delle leggi ambientali più significative della nazione. L’obiettivo è quello di accelerare l’approvazione di grandi progetti come condutture e autostrade, ma i critici sostengono che questa legge potrebbe ignorare le preoccupazioni delle comunità povere e minoritarie colpite da tali progetti e scartarne l’impatto sui cambiamenti climatici.

Parlando durante una visita a una struttura UPS, Trump ha criticato “le montagne e le montagne di burocrazia a Washington, DC”, ricordando dei suoi giorni da costrutture a New York. Ha detto che uno dei primi progetti a beneficiare della sua razionalizzazione sarà l’espansione di un’autostrada senza pedaggio a sud di Atlanta.

Stiamo rivendicando l’orgogliosa eredità americana come nazione di costruttori e nazione che può fare le cose”, ha detto.

USA, secondo i sondaggi le politiche ambientali potrebbero costare a Donald Trump le elezioni

Il 50enne National Environmental Policy Act, o NEPA, è stato firmato  dal presidente Richard Nixon. La legge richiede alle agenzie federali di considerare gli effetti ambientali dei progetti proposti prima che vengano approvati. Offre inoltre al pubblico e ai gruppi di interesse la possibilità di commentare tali valutazioni.

Si prevede che le nuove normative dell’amministrazione ridurranno i tipi e il numero di progetti che saranno soggetti a revisione ai sensi della NEPA, abbreviando la tempistica delle revisioni e eliminando l’obbligo che le agenzie considerino gli effetti cumulativi sull’ambiente dei progetti, come il loro contributo al climate change

I cambiamenti indeboliscono una legge che ha svolto un ruolo importante nel limitare l’agenda del “dominio dell’energia” dell’amministrazione Trump. Nell’ultima settimana, le revisioni ambientali hanno messo da parte una serie di controversi progetti di oleodotti e gasdotti, tra cui Keystone XL, Dakota Access e Atlantic Coast.

USA, l’amministrazione Trump vuole rimuovere la protezione agli orsi e ai lupi nelle riserve

Ma i gruppi ambientalisti avvertono che le nuove regole metteranno da parte gli effetti ambientali di condutture, autostrade e altri progetti.

Quello che sta facendo l’amministrazione Trump sta cambiando radicalmente quei regolamenti, rendendoli di fatto inutili“, afferma Sharon Buccino, avvocato senior presso il Consiglio di difesa delle risorse naturali.

Inoltre, Buccino afferma che la legge era stata progettata per dare voce alle comunità a lungo ferite dall’inquinamento di autostrade, condutture e impianti chimici che si trovano in modo sproporzionato nei loro quartieri.

NEPA dà voce ai poveri e alle comunità di colore nei progetti che definiranno le loro comunità per decenni a venire. Piuttosto che ascoltare, il piano dell’amministrazione Trump mira a mettere a tacere tali voci”, afferma Buccino.

Le modifiche alle regole dell’amministrazione fissano un rigoroso limite di due anni per le agenzie che rilasciano dichiarazioni di impatto ambientale. I nuovi regolamenti richiedono inoltre che i ricorsi vengano inviati più rapidamente e limitano gli argomenti che possono essere trattati in tali ricorsi.

Animali, miliardi di uccelli a rischio a causa dell’amministrazione Trump

Buccino e altri avvocati ambientalisti ritengono che i nuovi regolamenti siano illegali e affermano che saranno contestati in tribunale. Ciò significa che se Trump non viene rieletto, è probabile che le nuove regole non abbiano effetto prima di lasciare l’incarico.

(Visited 84 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago