Joe Biden sotto accusa. Se il nuovo presidente degli Stati Uniti, finora, si era distinto per la discontinuità rispetto al predecessore Donald Trump, gli ambientalisti ora accusano: “In Alaska ha continuato la politica delle trivelle”.

Joe Biden sotto accusa da parte di associazioni ambientaliste. Il presidente degli Stati Uniti, dopo diverse mosse di discontinuità rispetto alle politiche di Donald Trump, ha deciso di proseguire l’impegno per le trivellazioni in Alaska. Una mossa che va tutta a vantaggio dell’azienda petrolifera ConocoPhillips e che era stata promossa da Trump negli ultimi tempi del suo mandato presidenziale.

Le prime politiche ambientali di Joe Biden avevano ricevuto il plauso degli ambientalisti, a cominciare dalla riadesione agli Accordi di Parigi e la revoca delle concessioni federali per gli oleodotti del sistema Keystone XL. Ora, però, come denuncia John Noel di Greenpeace alla Reuters, “per l’amministrazione è un vero e proprio passo falso, l’industria petrolifera, ormai fuori controllo, rischia di avere campo libero”.

Covid, Biden chiede nuove indagini sull’origine. Facebook non blocca più i post e la Cina protesta

I principali sostenitori delle trivellazioni in Alaska sono due senatori repubblicani, Lisa Murkowski e Dan Sullivan, che lunedì sarebbero stati ricevuti proprio da Joe Biden. Le principali organizzazioni ambientaliste nordamericane sono sul piede di guerra: “Stanno creando la strada per far sì che le industrie petrolifere possano causare danni irreparabili alle comunità, alla salute pubblica e agli habitat naturali. Il tutto senza neanche consultare le popolazioni residenti”.

Clima, Draghi incontra Kerry: Italia e Stati Uniti insieme per affrontare l’emergenza climatica

Molti gruppi ambientalisti sono stati sostenitori della campagna elettorale di Joe Biden, anche attraverso finanziamenti economici. Il loro disappunto è più che comprensibile, se si pensa che l’amministrazione di Donald Trump aveva approvato le nuove trivellazioni in Alaska ad ottobre, facendole diventare operative il 20 gennaio, proprio a ridosso dell’insediamento del nuovo presidente democratico.
Articolo precedenteBirillo, cane scomparso e ucciso a bastonate. La Lega del Cane: “Pronti ad aiutare la sua famiglia”
Articolo successivoPer Draghi e Merkel affrontare insieme i problemi globali