Animali

USA, l’amministrazione Trump vuole rimuovere la protezione agli orsi e ai lupi nelle riserve

Condividi

L’amministrazione Trump sta lavorando ad una legge per rimuovere la protezione agli orsi e i lupi nelle riserve dell’Alaska; con la nuova legge sarà possibile sparare a questi animali direttamente nelle loro tane.

L’amministrazione Trump vuole revocare una legge del 2015 che prevede la protezione di orsi e i lupi all’interno delle riserve protette. La nuova legge permetterà ai cacciatori di sparare agli orsi, ai lupi e ai loro cuccioli che si trovano nelle loro tane nel Kenai National Wildlife Refuge. Inoltre, anche si potrà attirare anche gli orsi col cibo.

Alaska, 10mila orsi bruni in pericolo a causa della miniera voluta da Trump

Jesse Prentice-Dunn, direttore delle politiche del Center for Western Priorities, ha definito questa legge “crudele”, spiegando che si tratta “solamente dell’ultimo di una serie di sforzi volti a ridurre la protezione della fauna in America e a favorire le compagnie petrolifere e i cacciatori di trofei“. ll National Park Service e lo U.S. Fish and Wildlife Service hanno rilasciato dichiarazioni separate per annunciare che le loro decisioni seguiranno le direttive delle leggi federali. Il National Park Service gestisce 10 riserve in Alaska. Il portavoce di NPS Alaska Pete Christian sostiene che, sebbene pratiche come il cacciare orsi e lupi direttamente nelle loro tane vadano contro lo scopo del parco, l’ Alaska National Interest Lands Conservation Act, servito per creare o espandere le riserve nazionali dell’Alaska, garantisce la protezione delle riserve da parte dello stato: “Sostituisce in certe parti l’NPS Organic Act ed alcune nostre politiche; inoltre alcuni parchi nello stato sono stati creati per ospitare degli esemplari che possono essere cacciati e catturati”.

Pesca illegale alle Isole Eolie, Guardia Costiera sequestra rete di 7,5 km

La decisione è l’ultimo passo della lotta per decidere a chi spetti l’autorità sulla protezione delle terre. Il conflitto è iniziato nel 2015, quando l’amministrazione Obama ha vietato la caccia ad alcuni predatori nelle aree protette dell’Alaska. Sebbene il numero di cacciatori che si pensa possano prendere parte a queste attività sia ridotto, è lo spirito della pratica ad essere contro i valori della riserva nazionale. “L’amministrazione Trump ha toccato nuovamente il fondo per quanto riguarda la protezione della fauna” ha spiegato Jamie Rappaport Clark, presidente di Defenders of WildlifePermettere la caccia dei cuccioli di orsi e lupi nelle proprie tane è barbarico ed disumano”. La nuova legge permette anche di sparare alle renne dalle barche e uccidere quelle che si trovano in acqua.

Tigre di Sumatra morta intrappolata in una piantagione di cellulosa. Le immagini di Greenpeace

La decisione è in linea con quanto fatto dal Dipartimento degli Interni, che ha cercato consistentemente di permettere l’accesso al suolo pubblico a cacciatori e compagnie petrolifere. Lo scorso mese il Dipartimento ha proposto di espandere di 2.3 milioni di acri le aree a  cui possono accedere cacciatori e pescatori.

(Visited 816 times, 3 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago