Good News

USA, 2 milioni di dollari in beneficenza grazie ai guanti di Bernie Sanders

Condividi

Diventati immediatamente un oggetto cult grazie ai meme, i guanti di Bernie Sanders hanno permesso al senatore americano di raccogliere quasi 2 milioni di dollari in beneficenza.

Il tempo durante la cerimonia di inaugurazione del presidente Joe Biden è stato burrascoso, con raffiche di neve e un vento gelido che ha fatto scendere la temperatura fino quasi allo zero. Ma non si dica mai che un abitante del Vermont come il senatore Bernie Sanders non sa come vestirsi per il clima invernale.

Inauguration Day, Bernie Sanders e i suoi guanti di lana riciclata spopolano sui social

Insieme all’emozionante poesia di Amanda Gorman, i guanti ormai iconici del senatore Sanders sono stati uno dei momenti salienti della giornata. Entro 24 ore, l’aspetto casual aveva lanciato più meme di quanti chiunque potesse contare, finendo praticamente ovunque.

L’immagine accovacciata di Bernie, catturata dal fotografo decorato Brendan Smialowski, è stata presto ritoccata con Photoshop in dipinti classici come “Nighthawks” di Edward Hopper e ” La nascita di Venere ” di Botticelli. È stato inserito nella cultura pop contemporanea con ammiccamenti e accenni a Sex and the City, Twilight, Game of Thrones e Where’s Waldo? È stato persino scambiato per la famigerata posa di Sharon Stone a gambe incrociate da Basic Instinct.

 


Oltre a iniettare un po ‘di umorismo tanto necessario in questo periodo, il tour de force sartoriale di Sanders ha iniettato un po’ di denaro altrettanto necessario in alcuni enti di beneficenza, grazie allo stesso senatore che ha colto l’attimo.

Planet or Plastic? Oggetti di vita quotidiana e rifiuti diventano arte

Ha rapidamente aggiunto l’immagine a una linea di prodotti sul suo sito Web, con tutti i proventi a beneficio di enti di beneficenza con sede nel Vermont, inclusi Meals on Wheels e gruppi di difesa dei cittadini anziani.

Le felpe, le magliette e gli adesivi sono andati esauriti in meno di 30 minuti. Allo stesso modo, le forniture aggiuntive sono terminate quasi subito. In tutto, Sanders ha riferito di aver raccolto circa 1,8 milioni di dollari nell’arco di cinque giorni.

 


Siamo lieti di poter usare la mia fama su Internet per aiutare i cittadini bisognosi“, ha detto Sanders in una dichiarazione.

Jen Ellis, l’insegnante di scuola elementare del Vermont responsabile della lavorazione a maglia dei guanti più famosi del mondo, ha riferito tramite i social media che Sanders ha chiamato per farle sapere che grazie alle sue muffole aveva raccolto un sacco di soldi per una serie di cause meritevoli.

 


Ellis, che è stata inondata di richieste per i guanti, che non ha il tempo di fare, ha creato un nuovo sito web filantropico chiamato Generosity Brings Joy. Collaborerà con le aziende per progettare e creare prodotti “Bernie Mitten Themed”, sperando che gli articoli “gioiosi e di alta qualità” compensino alcune delle carenze delle organizzazioni non profit durante la pandemia.

Eco Fashion Labels, moda sostenibile, etica e certificata: l’e-commerce che pensa all’ambiente

 


Ellis non è stata l’unica fan dei meme di Bernie a usare la sua immagine per raccogliere fondi per beneficenza. Tobey King, una donna di Corpus Christi, Texas, ha messo in vendita su eBay una bambola Sanders all’uncinetto che aveva concettualizzato a beneficio di Meals on Wheels e ha raccolto una cifra incredibile. Listato a un modesto prezzo di apertura di 99 centesimi, 167 offerte dopo, la “Bernie Mittens Crochet Doll” è stata venduta per la sbalorditiva cifra di $ 20.300.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tobey Perales King (@tobeytimecrochet)

(Visited 67 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago