AttualitàPolitica

Ursula von der Leyen: “Il futuro dell’Ue è nelle rinnovabili, non nel gas”

Condividi

Ue, da Ursula von der Leyen una netta presa di posizione: “Il futuro è nelle rinnovabili, non nel gas”. La presidente della Commissione europea riconosce anche che “l’Europa ha un problema di stoccaggio”.

Deve essere chiaro che il nostro futuro sono le energie rinnovabili, non il gas“. Così, con una netta presa di posizione, ha parlato Ursula von der Leyen, al termine del vertice Ue-Balcani, soffermandosi sulla crisi dei prezzi dell’energia. La presidente della Commissione europea ha spiegato: “Con la pandemia il costo del gas è stato più basso della media, causando un rimbalzo con la ripresa. Con le comunicazioni di mercoledì prossimo ci sarà un punto di partenza ma è chiaro che per l’Europa c’è un problema di stoccaggio, visto che quello Ue è limitato“.

 

Sempre riguardo alla dinamica dei prezzi del gas, Ursula von der Leyen ha spiegato: “Per valutare il ruolo della Russia abbiamo bisogno di tutti i dati e del quadro completo. Osservo però che la Norvegia, uno dei nostri fornitori, ha aumentato la produzione e questo è un ottimo esempio che altri potrebbero seguire“.

 

Durante l’evento online da Bruxelles ‘Ue Sustainable Investment Summit’, infine, Ursula von der Leyen ha difeso le politiche ambientali dell’Ue: “Ogni euro speso nelle rinnovabili aiuta il pianeta e anche i consumatori, quindi dobbiamo accelerare il lavoro sul Green Deal per diventare più indipendenti“.

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago