Italpress

Urso “A Tokyo con buone aspettative e numeri record”

Condividi

GIAPPONE (TOKYO) (ITALPRESS) – “Arriviamo a Tokyo non soltanto con buone aspettative, ma con una squadra di cinque atleti, tre uomini e due donne, la seconda spedizione piu numerosa nella storia della pesistica italiana”. Con orgoglio e speranza Antonio Urso si appresta a vivere i Giochi Olimpici di Tokyo. La Federazione italiana pesistica presenta in Giappone una delegazione importante sotto il profilo qualitativo e quantitativo. “C’è grande soddisfazione – ammette il presidente della Fipe all’Italpress – Se a Sydney portammo la spedizione più numerosa in termini assoluti, con 6 atleti su 270 qualificati, in Giappone abbiamo fatto ancora meglio in proporzione perchè possiamo contare su 5 atleti su 160 qualificati. E’ un risultato straordinario”. Ma non è tutto, perchè a Tokyo l’Italia può sognare di salire sul podio. “Pizzolato e Zanni possono naturalmente ambire alla medaglia – sottolinea Urso – hanno i numeri per farcela. Poi le competizioni sono costellate da tutta una serie di altri fattori, ma da quanto abbiamo visto in questi ultimi mesi e per le condizioni attuali dei ragazzi possiamo incrociare le dita”.
A completare la spedizione tricolore ci saranno Davide Ruiu, Giorgia Bordignon e Maria Grazia Alemanno. “Anche le ragazze possono fare veramente bene – osserva il presidente della Fipe – Entrare nella top 10 sarebbe un risultato davvero straordinario”.
(ITALPRESS).

(Visited 8 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago