Attualità

UOVO DI PASQUA ECOLOGICO, I CONSIGLI DEL CONSORZIO COMIECO

Condividi

Uovo di PasquaI consigli di Comieco, il consorzio nazionale per il riciclo degli imballaggi di carta e cartone: regala un uovo di pasqua in carta o cartone, meglio se riciclati.

Anche l’uovo di Pasqua può essere ecologico se imballato in carta o cartone, meglio se riciclati, piuttosto che nei fogli di plastica. Fra l’altro, l’imballaggio di carta è più robusto e protegge meglio il dolce. E se non riuscite a trovarlo, l’involucro dell’uovo tradizionale è fatto in plastica, non carta, e va smaltito nell’apposito bidone.

Questi i consigli di Comieco, consorzio nazionale per il riciclo degli imballaggi di carta e cartone: “Le uova di Pasqua hanno imballaggi molto vistosi, perché devono fare effetto, ma non sono certo ottimizzati per il riciclo. Per una piccola quantità di cioccolato, si usano grandi fogli di plastica. Tuttavia, l’effetto regalo si può ottenere anche con il cartone riciclato. Una nota marca italiana ha proposto un uovo con una scatola di carta, risparmiando il 21% del peso dell’imballaggio e aumentando dell’11% il peso della cioccolata”, spiega Eliana Farotto del Comieco .

Link correlati

Pasqua a Roma: https://www.teleambiente.it/pasqua-2018-roma-eventi-domenica-1-aprile-2018-meteo/

Pasquetta a Roma: https://www.teleambiente.it/pasquetta-2018-roma-lunedi-2-aprile-2018-eventi-previsioni-meteo/

Musei gratis Roma Pasqua: https://www.teleambiente.it/musei-gratis-roma-domenica-1-aprile-2018-pasqua-tutte-le-informazioni/

(Visited 223 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago