Ecco

“Unveiling”, progetto di “citizen science” dell’Università di Firenze, per salvare le farfalle dal rischio di estinzione. Ecco come partecipare.

Votare le farfalle più belle per tutelarle dal rischio di estinzione a causa dei cambiamenti climatici. È l’iniziativa di “Unveiling“, progetto dell’Università di Firenze coordinato dai dipartimenti di “Lettere e filosofia” e di “Biologia”, così da mettere in luce il ruolo della bellezza e dell’esperienza estetica nell’ideazione di strategie efficaci di conservazione biologica.

L’iniziativa, che si ispira al principio della citizen science, mette a disposizione un test sul proprio sito per valutare le specie di farfalle nella globalità delle loro componenti: percettiva, emotiva, cognitiva e immaginativa.

“Unveiling” analizza oltretutto le foto-segnalazioni di farfalle europee caricate da comuni cittadini sul sito iNaturalist.

A coordinare lo studio sono Mariagrazia Portera, ricercatrice di Estetica, e Leonardo Dapporto, ricercatore di Zoologia.

L’ipotesi alla base dell’esperimento è che, a parità di rischio di estinzione, non tutte le specie di farfalle godano allo stesso modo di forme di tutela. Sembra che tendiamo a investire e a impegnarci di più per le specie che ci risultano più belle. Ma tutte hanno bisogno di protezione“, ha dichiarato la dottoressa Portera.

Secondo Dapporto, invece, “grazie ai risultati di “Unveiling” le liste di protezione nazionali e internazionali potranno essere riviste, tenendo conto dei “pregiudizi” estetici, in modo da risultare ancora più efficaci. I parchi nazionali e le associazioni ambientaliste potranno scegliere con maggior consapevolezza le loro specie-bandiera e, nel caso di farfalle a rischio ma in prima battuta non particolarmente attraenti, si potrà procedere ad azioni diversificate e multi-livello di rimodulazione e rieducazione della percezione estetica“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Apollo Parnassus (@unveiling_project)

Articolo precedenteParigi, 10 miliardi di euro per combattere l’inquinamento in metropolitana
Articolo successivoDal Parlamento Ue una campagna per la sostenibilità – Tg Ambiente