Umbria, “Terra Madre” Salone del Gusto 2022, fondamentale promozione per le eccellenze agroalimentari del territorio

Anche l’Umbria è stata protagonista dell’ultima edizione di “Terra Madre” Salone del Gusto 2022.

L’evento internazionale dedicato al cibo “buono, pulito e giusto” e alle politiche agroalimentari di qualità, si è svolto dal 22 al 26 settembre al Parco Dora di Torino.

Regione Umbria, AssoGAL Umbria, Slow Food Umbria ed alcune aziende locali hanno presentato le produzioni agroalimentari di eccellenza del territorio attraverso un ricco calendario di eventi, incontri e degustazioni.

Una sinergia comunicativa che ha acceso i riflettori sul cibo come occasione di “rigenerazione”, un’occasione di rinascita e ripresa.
L’evento “Terra Madre” Salone del Gusto 2022 ha promosso le eccellenze agroalimentari del territorio, frutto del connubio fra tradizione e innovazione, di saperi e sapori unici e, per questo motivo, patrimonio identitario della regione Umbria.

“Una vetrina importante per le eccellenze dell’Umbria – ha dichiarato con soddisfazione l’Assessore regionale all’Agricoltura Roberto Morroniun’ulteriore occasione per affermare il ruolo centrale dell’agroalimentare per lo sviluppo dell’economia regionale, ma non solo, poiché la nostra produzione è ambasciatrice dell’immagine complessiva del territorio”.

Lo stand istituzionale Umbria ha ospitato numerose degustazioni funzionali a far conoscere e apprezzare i prodotti dei Presidi Slow Food e delle aziende agricole presenti in fiera, grazie al sostegno di AssoGAL Umbria.

Durante i cinque giorni dell’evento sono stati presentati tra gli altri: il Mazzafegato e il Vinosanto da uve affumicate dell’Alta Valle del Tevere, la Fagiolina del Trasimeno, la Fava Cottora dell’Amerino e le Comunità dell’Olio Rajo.

Previous articleCentrodestra al Governo, il totoministri. L’ipotesi dei due vicepremier
Next articleModa sostenibile e i premi consegnati alla Milano Fashion Week. Rifò tra i finalisti per la categoria economia circolare