Home Umbria Umbria, Otricoli (Tr), Festival dello sviluppo sostenibile 2023

Umbria, Otricoli (Tr), Festival dello sviluppo sostenibile 2023

Umbria, Otricoli (Tr), Festival dello sviluppo sostenibile 2023

Con l’iniziativa “Turismo sostenibile 2023” i Comuni di Otricoli, Narni, Calvi dell’Umbria, Lugnano in Teverina hanno presentato i progetti legati alla sostenibilità e al turismo

Ad Otricoli, in provincia di Terni, nei giorni scorsi si è svolto l’evento “Turismo sostenibile 2023”.

Organizzato dall’Amministrazione comunale, l’evento era inserito all’interno del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2023, un’iniziativa promossa dall’Asvis (Allenza italiana per lo Sviluppo sostenibile) per sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale.
Durante l’incontro si sono avvicendati diversi relatori, che hanno illustrato come le diverse realtà del territorio ternano si stanno muovendo nella direzione degli adempimenti previsti dai 17 obiettivi dell’Agenda ONU 2030, in modo particolare nel settore del turismo sostenibile.

I Comuni di Otricoli, Narni, Calvi dell’Umbria, Lugnano in Teverina hanno presentato i loro progetti legati alla sostenibilità e al turismo.

L’evento si è aperto con l’introduzione del consigliere del Comune di Otricoli Maurizio Moschella, che ha spiegato sinteticamente i contenuti dell’Agenda 2030

Subito dopo sono intervenuti il vicesindaco di Otricoli Donatella Leonelli (“I progetti presentati dal Comune di Otricoli per la candidatura al Best Tourism Villages dell’UNWTO”), il sindaco di Otricoli Antonio Liberati (“Otricoli e i progetti di rigenerazione culturale e sociale inseriti nel PNRR), l’assessore di Narni Giovanni Rubini (“Il tratto narnese della Ciclovia Assisi-Roma”) e l’assessore alle politiche di Calvi dell’Umbria Jlenia De Michelis (“I sentieri del trekking nei boschi calvesi” Sentieri Umbro-Sabini)
Successivamente la parola è andata al vicesindaco di Lugnano in Teverina Alessandro Dimiziani (“I progetti Iter vitis e Rotta degli olivi) e al responsabile e coordinatore del progetto “Le terre dei Borghi Verdi” Federico Rubini.