Attualità

INCENDIO IN PROVINCIA DI PAVIA. RISCHIO DIOSSINA

Condividi

Una imponente nuvola di fumo nell’area industriale di Mortara, in provincia di Pavia. Dalle 6 di mattina, bruciano montagne di rifiuti di plastiche e gomme, sprigionando una nuvola di fumo visibile a decina di chilometri, fin nel novarese. All’opera una decina di squadre di Vigili del Fuoco accorsi da più parti, stanno lentamente riportando la situazione alla norma.

I sindaci di Mortara, di tutti i comuni confinanti e anche di Vigevano stanno emettendo in queste ore ordinanze in seguito al vasto incendio in corso dalle 6,30 del mattino allo stabilimento ‘Eredi Berté’.La popolazione, a scopo precauzionale, è stata invitata a restare per quanto possibile in casa, a tenere le finestre chiuse e a non raccogliere e consumare i prodotti dell’orto, almeno per il momento e in attesa di conoscere i risultati delle analisi eseguite dall’Arpa. E’ sa anche l’attività scolastica. Analoghe disposizioni saranno dettate agli agricoltori. Il prefetto di Pavia Attilio Visconti è arrivato sul posto, dove è rimasto fino a poco fa per coordinare le operazioni dei vigili del fuoco e delle altre autorità intervenute. “Le notizie che sto raccogliendo – ha detto – non sono troppo confortanti. Lì sta bruciando di tutto, comprese gomma e plastica, e c’è il rischio che si sviluppi diossina“.

In allegato le ordinanze del comune di MORTARA

Ordinanza-41-2017 Mortara sospensione attività didattica

Ordinanza-40-2017 allerta diossina

(Visited 142 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago