Attualità

MESSICO, SVANISCE NEL NULLA IL SALVATAGGIO DI FRIDA

Condividi

Redazione on line

Svanisce Frida. I soccoritori non trovano che cadaveri e soprattutto non trovano Frida che per tutto il pomeriggio di ieri era diventata simbolo di speranza e icona di vita.
Invece della povera ragazza si perdono le tracce all’interno delle immni devastazioni del terremoto a Città del Messico.

Il 19 settermbre  la forte scossa di terremoto aveva investito il Sud del Messico alle ore 13.14 locali (le 20.14 in Italia). Dalle prime rilevazioni dello United States Geological Survey (USGS) si trattava di magnitudo 7.1. L’epicentro è a 5 miglia (8 km) a sud di Atencingo, nello stato di Puebla, con profondità di 50 km.

A Città del Messico migliaia di persone si sono riversate in strada. Il sindaco della capitale messicana ha ammesso che almeno 27 edifici, tra cui una scuola, sono crollati e che molte persone, tra cui bambini, sono sotto le macerie.

L’aeroporto veniva chiuso al traffico.

Alla fine la tragica contabilità arrievrà a 250 morti, tra cui molti bambini

Solo una settimana fa il Messico era stato colpito da un terremoto di magnitudo 8.2 che aveva provocato la morte di 100 persone. La scossa di oggi cade nell’anniversario del sisma del 1985, di magnitudo 8,1, che causò oltre 10.000 vittime.

(Visited 171 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago