Home Attualità Ue, in arrivo nuove regole per etichette bio e eco contro il...

Ue, in arrivo nuove regole per etichette bio e eco contro il greenwashing

Ue, in arrivo nuove regole per etichette bio e eco contro il greenwashing

Con la direttiva “Green Claims”, arrivano dall’Ue nuove regole contro il greenwashing, per le etichette bio ed eco.

La Commissione Europea lancia il nuovo piano contro il greenwashing. Le aziende europee saranno chiamate a offrire prove scientifiche per garantire che le etichette “eco”, “bio”, o a “ridotta impronta climatica” sui loro prodotti siano veritiere, affidabili, e comparabili in tutta l’Ue.

Le nuove regole comuni sono contenute nella direttiva “Green Claims” presentata il 22 marzo da Bruxelles. L’obiettivo è tutelare i consumatori e gli operatori economici impegnati ad accelerare la transizione verde. Il 53,3% delle dichiarazioni “green” sui prodotti fatte dalle aziende esaminate nell’Ue è risultato vago, fuorviante o infondato e quasi il 40% privo di fondamento.

È la denuncia dell’esecutivo Ue, che nel tentativo di contrastare il greenwashing si concentra nel dettaglio sulle etichette che riportano le diciture ecologico, climate neutral, carbon neutral, oppure “100% CO2 compensato”, biodegradabile, compostabile, bio-based.

L’esecutivo Ue chiede alle aziende di fornire “prove scientifiche ampiamente riconosciute che dimostrino la veridicità” di quanto dichiarato dal punto di vista del ciclo di vita del prodotto, dall’estrazione dei materiali fino allo smaltimento.

 

 

Green Claims Ue, ecco le misure incluse nella proposta

La direttiva Ue, per garantire che i consumatori ricevano informazioni ambientali affidabili, comparabili e verificabili sui prodotti, include le seguenti misure per le aziende:

  • criteri chiari su come le aziende dovrebbero dimostrare le proprie dichiarazioni ed etichette ambientali
  • i requisiti per la verifica di tali dichiarazioni ed etichette da parte di un verificatore indipendente e accreditato e
  • nuove regole sulla governance dei sistemi di etichettatura ambientale per garantire che siano solidi, trasparenti e affidabili