Le autorità ucraine hanno riferito che la centrale nucleare di Chernobyl è al momento senza energia, spegnendo di fatto l’impianto di raffreddamento che evita il surriscaldamento del combustibile nucleare. Per i russi invece la “situazione è sotto controllo”.

Ergoatom, l’ agenzia nucleare Ucraina ha messo in guarda su un possibile spegnimento dell’impianto di raffreddamento della centrale di Chernobyl. Secondo le autorità la centrale è al momento senza energia: le forze russe avrebbero scollegato l’impianto nucleare dalla rete impedendo potenzialmente il raffreddamento del combustibile nucleare esaurito. Il che significa che al momento sussiste un pericolo di fughe radioattive.

 


“La trasmissione a distanza dei dati dei sistemi di sicurezza installati nella centrale è stata tagliata”, si legge nel comunicato ufficiale dell‘Aiea, l’agenzia internazionale per l’energia atomica.

Guerra in Ucraina, la centrale di Chernobyl è in mano ai russi

Fino a quando i dati sono stati disponibili, l’Aiea non ha comunque rivelato aumenti dei livelli di radioattività. Ma l’aver “perso il contatto remoto di trasmissione dati con i sistemi di salvaguardia della centrale” rende di fatto l’Aiea incapace di monitorare ciò che realmente accade all’interno dell’impianto.

 


Secondo le autorità russe la situazione è sotto controllo. “Attualmente, il controllo della situazione nella centrale nucleare di Chernobyl è svolto congiuntamente da personale militare russo, specialisti ucraini, personale civile della centrale e la guardia nazionale di questo paese”, ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

Guerra in Ucraina, a rischio scorie nucleari di Chernobyl

 


La centrale di Chernobyl, sede del più grave disastro nucleare della storia, è in mano alle forze russe dal 24 febbraio, dopo una serie di combattimenti contro l’esercito ucraino. All’interno restano tecnici ucraini, che hanno denunciato di essere sottoposti a turni massacranti senza la possibilità di uscire o di riposare.

Chernobyl, a 35 anni dal più grande disastro nucleare ancora effetti devastanti su ambiente…

 

Articolo precedenteNon una di meno Roma, 20mila donne allo sciopero transfemminista contro la guerra
Articolo successivoRePowerEU, il piano energetico dell’Europa per dire addio in pochi mesi al gas russo