AnimaliAttualità

Uccide una giraffa e offre il cuore al marito: l’ultima brutalità della cacciatrice Van Der Merwe

Condividi

Le raccapriccianti immagini del “trofeo” fotografato dalla cacciatrice Merelize Van Der Merwe hanno sconvolto il web: questa volta la donna ha ucciso una giraffa, strappato il cuore e donato al marito.

Uccide una giraffa e offre il suo cuore come pegno d’amore al marito per San Valentino. Una vicenda terrificante ad opera della cacciatrice sudafricana Merelize Van Der Merwe, 32 anni, già nota per questi gesti eclatanti che hanno come vittime animali, fotografati e immortalati dopo queste brutalità come se fossero trofei. Le raccapriccianti immagini del trofeo di caccia hanno fatto il giro del web.
È morto Kesha, l’unico gatto che viveva nelle isole Svalbard in Norvegia

La donna ha già ucciso oltre 500 animali tra leoni, elefanti e leopardi ma ha voluto togliersi un ulteriore “sfizio” pagando 1500 sterline per cacciare e uccidere una giraffa. Dopo il primo scatto con un sorriso accanto all’animale ucciso, ne ha estratto il cuore per mostrarlo all’obiettivo del fotografo.


La cacciatrice ha un seguito di quasi 100mila ammiratori su Facebook e gestisce insieme al coniuge una fattoria nella Provincia del Limpopo (nel nord del Sud Africa). Si vanta di avere partecipato a battute di caccia grossa fin dall’età di 14 anni.

USA, Donald Trump Jr ottiene il permesso per cacciare grizzly in Alaska

Non è la prima volta ad essere al centro di polemiche in merito alla sua attività e al fatto che non si sia mai fatta problemi a condividere queste brutalità sui suoi social, scontrandosi con gli attivisti a difesa della fauna selvatica. Ma la Van der Merwe si ostina a giustificare questi suoi gesti come un aiuto per eliminare “esemplari vecchi e malati” dalla savana, perché,  come ha avuto il coraggio di affermare, “solo i cacciatori amano veramente gli animali”.

(Visited 301 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago