AnimaliRifiuti

Uccelli addestrati per raccogliere rifiuti nei parchi: ecco come danno il buon esempio VIDEO

Condividi

Il Barari Natural Resources sta addestrando gli uccelli a raccogliere i rifiuti. “Se gli uccelli sono in grado di farlo, perché gli uomini non possono fare lo stesso?” ha spiegato l’addestratore.

Una squadra di pappagalli e corvi è stata addestrata per raccogliere i rifiuti ed incoraggiare gli abitanti degli Emirati Arabi Uniti a fare lo stesso. Gli uccelli  sono pronti a spiccare il volo in qualsiasi momento per pulire gli spazi verdi della città di Abu Dhabi.

Animali, ecco Phil, l’elefante che raccoglie i rifiuti

Barari Natural Resources, che gestisce oltre 400 foreste e riserve naturali nel paese, sta utilizzando gli uccelli come parte della campagna “Nature Educates Us”. Gli uccelli appariranno nei parchi pubblici e nelle riserve della città per dimostrare l’importanza di raccogliere e gestire i rifiuti correttamente. “Se gli uccelli sono in grado di raccogliere i rifiuti, perché gli uomini non possono fare lo stesso?” ha commentato German Alonso Marò, l’addestratore degli uccelli.

 

Il CEO di Barari Ahmed Alblooki ha avuto l’idea dopo aver visto una simile iniziativa in Francia, chiedendo a Malik Rapaie della Wildlife Conservation Services di Barari se fosse possibile replicarlo negli Emirati Arabi Uniti. Rapaie ha spiegato che ci sarebbero potuti essere alcuni ostacoli nel ripetere il programma negli Emirati: “Non possiamo avere gli stessi corvi perché sono una specie indigena della Francia”. Al loro posto sono stati scelti i corvi delle case, una specie invasiva diffusa ad Abu Dhabi.

Animali, capodoglio morto sulla spiaggia: 100 kg di rifiuti nello stomaco

Alonso ha iniziato ad addestrare gli uccelli lo scorso anno: “Volevamo iniziare con i corvi perché sono molto intelligenti ma il problema è che all’inizio non ne avevamo e volevamo iniziare il prima possibile. Di conseguenza abbiamo iniziato con tre pappagalli. Scherzano molto, si vede che sono un po’ piccoli clown ma svolgono un ottimo lavoro. Tuttavia, i corvi lavorano meglio”. Una volta ottenuti, tre piccoli corvi sono stati aggiunti all’addestramento. Il miglior senso per gli uccelli è la vista che li rende in grado di trovare piccoli pezzi di plastica e mozziconi di sigarette. “Abbiamo iniziato con i mozziconi e poi abbiamo aggiunto plastica e piccoli pezzi di carta

 

Il prossimo compito sarà quello di addestrare i corvi a portare la spazzatura nei differenti cestini. Nonostante 25 uccelli siano coinvolti nel programma, solo cinque corvi e due pappagalli sono stati considerati “abbastanza intelligenti” da poter prendere parte alla dimostrazione. “Lo puoi vedere in un attimo. Se sono intelligenti ti ascoltano mentre gli altri si girano e guardano da altre parti come se non fossero concentrati. Altri hanno paura”.

Animali, cervo trovato morto con 7 kg di plastica nello stomaco

Alonso ha spiegato che l’intelligenza degli uccelli è fondamentale perché gli permette di adattarsi a nuovi ambienti e nuove sfide poste dagli animali nei parchi che visitano. Oltre ad essere sgradevole alla vista, i rifiuti possono essere pericolosi per l’ambiente. I mozziconi delle sigarette, la forma di spazzatura più diffusa sul pianeta, contiene agenti tossici che possono ridurre la crescita dell’erba del 13%. Barari al momento sta lavorando col Dipartimento di Pianificazione urbana per organizzare una dimostrazione pubblica nella speranza che il lavoro svolto possa ripagare l’impegno: “C’è un grande problema relativo ai rifiuti, tutti i parchi ne soffrono”.

(Visited 64 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago