CronacaPoliticaTerritorio

Tutela ambientale, nasce la nuova Commissione Via Vas

Condividi

Tutela ambientale. È nata la nuova Commissione Via Vas che effettuerà le valutazioni di impatto ambientale dei progetti, delle opere, dalle trivellazioni ai grandi impianti industriali.

A dare l’annuncio è lo stesso Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa sul suo profilo Facebook.

“L’avevamo promesso e l’abbiamo fatto – scrive – vi sembrerà una notizia di poco conto invece è determinante per il nostro futuro e sono felice di essere riuscito a portarla a termine dopo un lavoro durato quasi un anno”.

“Ebbene – si legge ancora – quella che fino ad oggi ha operato era stata nominata più di dieci anni fa. Scaduta, ma non rinnovata e sulle nuove nomine decretate nella scorsa legislatura c’erano state inchieste e rilievi della Corte dei Conti. In genere erano nominati dai miei predecessori con chiamata diretta. Io ho voluto un avviso pubblico, alla quale potessero partecipare i migliori professionisti del Paese. E ho predisposto che per la prima volta la commissione dovesse essere costituita anche da medici, perché tra ambiente e salute c’è un rapporto imprescindibile”.

Energia e Clima, Costa: “confermato phase-out totale dal carbone entro il 2025”

Al Ministero sono arrivati più di 1200 curricula.

A selezionare i migliori curricula di tecnici, giuristi, esperti ambientali e medici,  sono state diverse commissioni di valutazione (create per l’occasione e costituite da docenti universitari e giuristi).

Rinnovabili, dal 30 settembre le nuove tariffe incentivanti del decreto FER1. Tutti i dettagli

“Sono felice di annunciare – conclude Costa – che dopo mesi di lavoro da parte dei selezionatori, i nuovi 40 commissari, sono pronti ad entrare in azione per il bene del Paese, la tutela dell’ambiente e la salute dei cittadini. È un’eredità lascio con grande gioia al futuro dell’Italia. Buon lavoro a tutti”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago