Attualità

Turismo responsabile, torna IT.A.CÀ Migranti e viaggiatori

Condividi

Turismo. Con 15 tappe, dal 25 aprile al 3 novembre torna IT.A.CÀ Migranti e viaggiatori, il festival del turismo responsabile, giunto alla sua XI edizione.

Parola chiave, restanza che, come dice l’antropologo Vito Teti “non un pigro e inconsapevole stare fermi, un attendere muti e rassegnati”, ma al contrario “un movimento, una tensione, un’attenzione”. Perché se è difficile emigrare, a volte è ancora più coraggioso restare.

IT.A.CÀ invita al viaggio con convegni, eventi, progetti innovativi, appuntamenti inclusivi, momenti di scambio, presentazione di libri, itinerari e molto altro in territori resistenti e resilienti.

Bike Summit 2019, Roma. Economia del cicloturismo in Italia

Si parte dai Monti Sibillini dal 25 al 28 aprile: quei luoghi, duramente colpiti e messi in ginocchio dai terremoti del 2016, diventano emblema della restanza, terra che trova il suo senso in chi ha scelto di restare e impegnarsi in un percorso complesso e faticoso che sta permettendo una risalita ed una ricostruzione attraverso progetti d’innovazione tecnologica, di turismo, di riqualificazione e valorizzazione del territorio come chiavi di riscatto.

A seguire, dal 24 maggio al 9 giugno, Bologna, culla natale di IT.A.CÀ che nella scorsa edizione ha raccolto più di 30.000 visitatori – accoglierà la seconda tappa del festival, riconfermandosi anche quest’anno come polo centrale e snodo nevralgico: “it a cà” in dialetto bolognese significa sei a casa?: una qualsiasi casa, una qualunque Itaca da raggiungere.

Vino. Ecosostenibilità, cambiamento climatico e turismo ecologico al centro di Rosso Morellino 2019

Si riflette anche sulla valorizzazione e sulla ripopolazione dell’Appennino Bolognese, terra di straordinaria eredità naturalistica e di storia antichissima, dove – nei primi due weekend di giugno – si parlerà di restanza e turismo responsabile. Ad aprire il tema, un grande convegno a Marzabotto, seguito da eventi, camminate fluviali, itinerari a piedi e a pedali, trekking in zone poco conosciute, laboratori, escursioni notturne e geo esplorazioni.

E poi, da nord a sud, altre 13 stazioni di sosta lenta sono attese nei territori di Rimini con le sue Valli, Calabria di Mezzo, Salento, Gran Sasso, Brescia, Ravenna, Trentino, Reggio Emilia, Parma, Pavia, Monferrato, Napoli e Levante Ligure.

Tra gli obiettivi esclusivi di questa XI edizione ci sarà anche quello di raccogliere e ripulire dalla plastica e dai rifiuti i luoghi toccati dal passaggio del festival.

Su www.festivalitaca.net tutto il serrato programma e le informazioni.

(Visited 40 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago