Attualità

TULIPARK, ROMA. UN ANGOLO DI OLANDA NELLA CAPITALE ROVINATO DAGLI INCIVILI

Condividi

Tulipark. Pochi giorni dopo l’apertura a Roma, il Tulipark, il parco da 300mila tulipani, è stato rovinato dagli incivili. Ecco cosa è successo. Lo sfogo dei gestori.

Tulipark è un giardino stile olandese riprodotto a Prima Porta, con l’idea di consentire ai visitatori di raccogliere i tulipani e creare un bouquet personalizzato. 15mila metri quadri di verde nel quale poter stare a contatto con oltre 300mila tulipani di varietà diverse. Ma a pochi giorni dall’apertura l’inciviltà della gente ha creato i primi problemi. Alcuni visitatori per accaparrarsi il tulipano con il bulbo hanno buttato i fiori che venivano fuori senza bulbo. Il tulipano una volta tirato su senza radici muore dopo alcune ore se non viene messo in acqua. “Questo è quello che succede quando la gente è maleducata, dopo tanti sacrifici e lavoro (9 mesi) per realizzare TuliPark. Da adesso i tulipani saranno tutti recisi. Sarà severamente vietato portare i BULBI dei tulipani a casa. Oltre 7.000 buttati”, hanno commentato su Facebook i gestori del parco, postando la foto dell’accaduto.

Tulipark, un marchio FloraNixena che nasce da un’idea della Votadoro, azienda che si occupa di coltivazione, produzione e vendita all’ingrosso di fiori recisi, è il risultato di oltre 35 anni di esperienza nel settore floricolo. L’obiettivo era quello di far conoscere agli italiani la cultura e le meraviglie che un paese come l’Olanda offre. Purtroppo non avevano tenuto conto della maleducazione, inciviltà e insensibilità di alcune persone.

(Visited 708 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago