AttualitàPolitica

Il TTIP è vivo e vegeto e l’Ue lo vuole rilanciare, Mobilitiamoci!

Condividi

“Il TTIP è vivo e vegeto e la UE lo vuole rilanciare. Mobilitiamoci!”. È il grido d’allarme sul nuovo negoziato commerciale europeo con gli Stati Uniti, lanciato durante una conferenza stampa alla Camera dei Deputati da un nutrito gruppo associazioni, sindacati, movimenti e parlamentari italiani.

“Il Governo italiano – spiega Monica di Sisto  di Fairwatch –Campagna StopTTIP/CETA Italia -precedente non ha discusso la sua posizione con le parti sociali (neanche con il Parlamento italiano) prima di concedere il nuovo mandato negoziale, e quello attuale tace sull’accelerazione presente – prosegue Di Sisto – La ministra dell’agricoltura Teresa Bellanova, incontrando il collega americano Sonny Perdue, si è addirittura mossa al di fuori del perimetro del mandato europeo che esclude l’agricoltura dalle trattative. Questa mancanza di trasparenza è inaccettabile per le organizzazioni della società civile: ci appelliamo al Parlamento perché insieme a noi ottenga un vero dialogo, che tenga conto delle preoccupazioni dei cittadini e delle parti sociali, e maggiore trasparenza su temi così importanti che colpiscono il cuore del sistema dei diritti e delle regole condivise e difese nel nostro Paese”.

Torna lo spettro TTIP, l’Italia dica di no a questa forzatura

Il negoziato subì una pausa con l’elezione di Trump, ma proseguì sotto traccia fino all’estate scorsa, quando Junker volò a Washington e sottoscrisse un accordo di principio per ricominciare a negoziare, sotto la minaccia di una pioggia di dazi.

Ora la nuova Presidente della Commissione Ursula von der Leyen non soltanto accelera per un nuovo accordo da realizzare entro poche settimane, ma appoggia la richiesta di Trump perché si negozi sull’agricoltura, argomento escluso nel mandato conferitole dai Governi dell’UE.

A preoccupare è soprattutto la disponibilità dell’Ue a cedere su un trattato che disinneschi per sempre il Principio di precauzione, forzi le regole europee attualmente in vigore su pesticidi, OGM e NBT, apra – al di fuori di ogni controllo democratico e parlamentare – un canale permanente di negoziato transatlantico sugli standard di protezione sociale, ambientale e di sicurezza alimentare che sono il più grande ostacolo, attualmente, all’arrivo di merci USA nel mercato europeo.

Ogm si o no? L’Italia è davvero un Paese Ogm free?

“L’accordo commerciale con gli USA, da concludere ‘entro poche settimane’ – spiegano Sara Cunial, Veronica Giannone e Silvia Benedetti, deputate del Gruppo misto e firmatarie dell’interrogazione al Governo in merito al nuovo trattato transatlantico – è di fatto una riesumazione di quel TTIP che milioni di cittadini, agricoltori, associazioni di categoria, politici, organizzazioni ambientaliste e dei consumatori hanno per anni contrastato. Le richieste statunitensi, riportate in Europa e in Italia dal ministro dell’Agricoltura, Sonny Perdue, sotto il ricatto di nuovi dazi, non solo sono un attacco all’agricoltura, alla salute e al territorio ma alla nostra stessa democrazia”.

“Il Governo statunitense ha chiesto all’Unione europea pesanti concessioni – continuano– l’indebolimento delle norme sanitarie e fitosanitarie, nonché dei limiti massimi consentiti di residui di pesticidi e altre sostanze chimiche nel cibo; il cambio della legislazione europea sugli Ogm per consentire il commercio di alimenti geneticamente manipolati, soprattutto se prodotti con le nuove tecniche di creazione varietale e, non ultimo, la promozione di una collaborazione in ricerca e innovazione sulle NBT, le New breeding techniques su cui si è già esposta recente anche la Corte di Giustizia Europea con una sentenza che obbliga di fatto queste nuove tecnologie a sottostare alle normative vigenti in tema di organismi geneticamente modificati. Trump ci sta chiedendo così di svendere la nostra sovranità e sicurezza alimentare e di rinunciare al nostro preziosissimo principio di precauzione che antepone gli interessi dei cittadini a quelli delle aziende”.

Biotech 2.0, accordo Coldiretti-Siga. Ogm sono il passato

“Tutto ciò è gravissimo – aggiungono le parlamentari – per questo, insieme ai colleghi CecconiVizziniAprile, De Toma, Rachele Silvestri, Cappellani, Frate, Rospi e Fioramonti abbiamo chiesto al Governo di schierarsi contro quest’ennesimo attacco al Bene Comune, alla Terra, al lavoro e alla dignità di un intero popolo. Nell’interrogazione rivolta al Presidente del Consiglio, al Ministro delle Politiche Agricole, della salute, dello sviluppo economico e dell’ambiente chiediamo di respingere il nuovo Ttip, e con esso tutto ciò che rappresenta”.

(Visited 174 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago