AnimaliAttualità

Trevignano, cinghiale bloccato da tre mesi in un fosso: istituzioni assenti, a prendersene cura solo i volontari

Condividi

Un cinghiale bloccato in un fosso da tre mesi, con le istituzioni totalmente assenti e solo i volontari a prendersene cura. Un vero e proprio caso, quello di Trevignano Romano.

Un cinghiale bloccato in un fosso da tre mesi, con le istituzioni totalmente assenti nonostante i ripetuti appelli al Comune, all’Ente Parco regionale di Bracciano-Martignano e ai carabinieri forestali. A Trevignano Romano ci sono solo alcuni volontari a prendersi cura dell’animale, finito nel fosso probabilmente dopo essere caduto e con un sospetto problema ad un occhio. A denunciarlo è l’associazione Animalisti Italiani.

Il volontario che si sta prendendo cura del cinghiale e ha segnalato l’accaduto, ha portato al cinghiale del cibo e ha anche tentato di rimetterlo in libertà installando uno scivolo, ma l’animale non riesce a salire.

Gli Animalisti Italiani sono sul posto per monitorare la situazione e spiegano: “Siamo letteralmente indignati. Ogni qualvolta si tratta di vite appartenenti ad una specie diversa da quella umana, le istituzioni preposte minimizzano e se ne lavano le mani. Nessuno merita di vivere in un fosso. È una creatura innocente tra l’altro anche con una situazione di salute carente. Solo perché si tratta di un cinghiale si sta concretizzando la solita discriminazione nei confronti di chi si presume abbia meno diritti di noi“.

Gran Sasso, stupore e meraviglia per i cuccioli di lupo che attraversano la strada

Una delle più grandi presunzioni umane sicuramente è quella di credere che la nostra specie sia al centro della creazione col diritto di disporre della vita delle altre otto milioni e settecento mila specie animali esistenti sul pianeta, che è come credere che la goccia sia l’oceano o il granello di sabbia sia il deserto. Il problema nasce quando una specie agisce in modo devastante nei confronti delle altre fino a portarle alla morte e all’estinzione“, spiegano ancora gli Animalisti Italiani.

(Visited 73 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago