In Nuova Zelanda c’è una Chiesa vivente composta quasi interamente da alberi vivi: si chiama TreeChurch e anche il suo interno è ricoperto dal manto verde delle piante!

Nello stesso paese dove è stato girato il Signore degli Anelli, il signor Barry Cox, 64 anni, è un ex allevatore di latte che ha creato questa chiesa di piante viventi nella sua proprietà a Ohaupo. Progettata per essere un luogo di interesse e contemplazione, la TreeChurch può essere utilizzata per celebrare matrimoni ed altri eventi, i Giardini sono aperti per visite guidate, visitatori e servizi fotografici. Infatti, oltre alla struttura che dispone di cento posti, fanno parte della proprietà altri tre acri.

Cox ha acquistato il terreno – un ex vivaio – nel 2005 iniziando ad abbellirlo come giardino privato, mentre gestiva anche la sua attività di palafitte trasferendo alberi maturi per i giardinieri intorno al Waikato e oltre.

 

Nel 2011, è stato ispirato da uno spazio nei giardini ed ha iniziato a costruire questa cappella vivente, combinando il suo amore per l’architettura e per gli alberi. Ha costruito la struttura in ferro sul posto e ha piantato gli alberi. I giardini comprendono un labirinto, collezioni di ispirazione europea e inglese, uno stagno in stile Monet e giardini fioriti perenni. Sono abbelliti da una collezione di querce, aceri, ontani, ginkgo, faggi, pioppi, taxodium e nisse.

Sostenibilità, una novità per gli aperitivi: una soda a impatto di CO2 negativo

Il crescente interesse dei suoi amici e della sua famiglia ha fatto sì che da ritiro personale – l’idea iniziale del signor Cox – la chiesa ed i suoi giardini venissero aperti al pubblico.

 

Carnevale, i coriandoli di semi che non inquinano. L’idea di una startup tedesca

Così, una visita a questi meravigliosi giardini può trasformarsi anche in un pranzo immersi nel verde! Infatti, come si legge dal sito di TreeChurch, si può portare cibo per fare un bel picnic – tranne che all’interno della chiesa – con gli amici o la famiglia.

 

Articolo precedenteBonus edilizi, Franco: “Illeciti rilevanti, ma non sono in discussione. Poche truffe sul Superbonus”
Articolo successivoArriva Lia, il primo test di gravidanza biodegradabile