Good NewsInquinamento

Trasporti green, finanziata la prima città con solo autobus elettrici

Condividi

Il Dipartimento dei trasporti stanzierà 170 milioni i trasporti pubblici in Inghilterra. 50 milioni saranno destinati a creare la prima città con autobus completamente elettrici.

Il Dipartimento dei trasporti britannico (DfT) ha disposto un budget di 50 milioni di sterline per creare la prima città con mezzi di trasporto completamente elettrici. Grant Shapps, Segretario dei trasporti, ha spiegato che gli autobus avranno “un ruolo cruciale nel ridurre le emissioni”.

Londra, ritornano i City Tree per combattere l’inquinamento nella capitale

Il dipartimento non ha spiegato quale sarà la città selezionata, ma in caso di successo il piano verrà replicato in tutto il paese nel tentativo di rendere tutti gli autobus elettrici entro il 2025.
L’annuncio è solo una parte degli investimenti per potenziare la rete dei trasporti pubblici in Inghilterra. Circa 70 milioni verranno utilizzati per potenziare la rete ad alta frequenza di “Superbus”. Una rete è già attiva in Cornwall, dove grazie a biglietti ridotti, maggior frequenza ed un aumento delle linee, il servizio si è rivelato un successo.

Il governo inoltre intende investire altri 20 milioni per creare dei servizi di autobus su richiesta, che potranno essere ordinati tramite delle app. Questi servizi sono rivolti alle aree rurali o suburbane dove la domanda è talmente ridotta da non giustificare la presenza di servizi permanenti. Un servizio simile ad Uber per gli autobus è già attivo ad Oxford e Liverpool. PickMeUp, creato da Arriva in collaborazione con Merseytravel, permette ai passeggeri di determinare la tratta di alcuni minibus selezionando il punto di raccolta e destinazione grazie ad una app. Tuttavia, la Oxford Bus Company ha recentemente avvisato che il servizio potrebbe chiudere in caso non vengano stanziati altri fondi; nonostante i 250,000 viaggi da quando il servizio è stato attivato nel giugno 2018, Oxford Bus Company ha spiegato che non riesce ad operare “pienamente su basi commerciali”.

Inquinamento, la metro di Londra è la più pericolosa al mondo

Secondo il segretario dei trasporti “i 200 bus potranno compensare le emissioni di 3,700 auto diesel ed è chiaro che avranno un ruolo fondamentale nel ridurre le emissioni. Questo pacchetto da 170 milioni ci aiuterà a creare comunità più pulite, eco-friendly e in grado di muoversi più facilmente, accelerando i viaggi e rendendoli più efficienti”. Altri 30 milioni di fondi saranno destinati alle comunità fuori da Londra entro il 2020, per permettere di migliorare o ripristinare i servizi di trasporti interrotti. Nell’ultimo decennio i fondi destinati ai trasporti pubblici in Inghilterra sono diminuiti del 40% tranne nella capitale, dove il trend è l’inverso.

Arriva la prima strada a “zero emissioni” solo per pedoni, ciclisti e auto elettriche

Darren Shirley, a capo di Campaign for Better Transport, ha definito la proposta “un buon inizio” dopo anni di tagli ai servizi: “per anni abbiamo visto servizi ridotti o cancellati e gli utenti non avevano i mezzi per raggiungere il posto di lavoro o le proprie famiglie. Ripristinare servizi bus e introdurre autobus a zero emissioni è un buon inizio per questo governo”. Secondo uno studio di Campaign for Better Transport più di 3,000 linee bus sono state tagliate o ridotte nell’ultimo decennio. Il gruppo ha fatto anche appello per scontati rivolati a studenti e anziani.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago