MobilitàScienza e Tecnologia

Trasporti, in Corea del Sud c’è una pista ciclabile a energia solare costruita in mezzo all’autostrada

Condividi

Lunga più di 30 chilometri e alimentata ad energia solare, la pista ciclabile è costruita al centro dell’autostrada che collega Daejeon e Sejong.


La Corea del Sud ha un’autostrada per biciclette, progettata per generare energia dal sole proteggendo allo stesso tempo i ciclisti. La pista ciclabile solare corre tra Daejeon e Sejong, una distanza di circa 20 miglia.

La pista ciclabile a due vie corre tra le due città ed è eretta nel mezzo di una normale autostrada, con tre corsie di traffico su entrambi i lati. Le barriere lungo il lato della struttura bloccano la vista della strada circostante e proteggono un po ‘i ciclisti, ma questo significa non avere molto da guardare per 20 miglia (circa 32 km).

La pista ciclabile solare è accessibile da tunnel sotterranei. Ci sono alcuni punti all’interno del percorso che consentono l’accesso al sistema di tunnel sotterranei in modo che i ciclisti possano salire e scendere dal tratto senza dover attraversare corsie di traffico.

Tecnologia, è tutta italiana la pista ciclabile ‘intelligente’ prefabbricata

I pannelli solari stessi raccolgono energia più che sufficiente per alimentare sia il sistema di illuminazione per l’autostrada sia una serie di stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

La pista ciclabile Daejeon-Sejong non è sicuramente la prima strada solare ad essere realizzata, tuttavia rimane uno dei progetti più ambiziosi visti finora. Altri paesi stanno anche sperimentando opzioni stradali solari, come SolaRoad nei Paesi Bassi, dove le sezioni della strada stessa sono state sostituite da pannelli solari che alimentano le luci nei quartieri circostanti.

Piste ciclabili, ecco la prima alimentata a energia solare

(Visited 55 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago