A Baltimora, negli Usa, un uomo di 57 anni è stato sottoposto a un trapianto di cuore ricevendo l’organo di un maiale geneticamente modificato. 

Negli Stati Uniti, David Bennett, un 57enne residente in Maryland, ha ricevuto un trapianto di cuore straordinario. Il paziente – che era in pericolo di vita – ha ricevuto un organo proveniente da un maiale geneticamente modificato. 

L’operazione è durata otto ore ed è stata eseguita dai medici del Dipartimento di Chirurgia presso la University of Maryland School of Medicine.

Il maiale da cui è stato preso il cuore era stato geneticamente modificato per eliminare alcuni geni che in passato avevano provocato nel signor Bennett il rigetto dell’organo.

Si tratta di una sperimentazione unica nel suo genere. “Il cuore funziona e sembra normale ma non sappiamo cosa succederà domani, non è mai stato fatto prima”, ha detto il dottor Bartley Griffith, direttore del programma di trapianti del centro medico che ha guidato l’equipe durante l’intervento.

Covid e Deltacron, fusione di due varianti o errore di laboratorio?

Il signor Bennett, il paziente che ha ricevuto il cuore di maiale geneticamente modificato, è ben consapevole della straordinarietà dell’intervento e delle possibili complicazioni. “So che è un salto nel buio, ma è la mia ultima scelta”, ha dichiarato poco prima dell’intervento l’uomo che era stato ritenuto non idoneo per un trapianto umano a causa delle complicate condizioni di salute.

Se la sperimentazione funzionerà, potrebbe aprire ad una nuova fase della scienza dei trapianti di organi che potrebbero provenire da animali geneticamente modificati per rispecchiare le caratteristiche più adatte del paziente ricevente. Ma non mancano i dubbi dal punto di vista dell’eticità di tutta l’operazione.

Carola, l’insegnante di Cagliari che ha lasciato il lavoro per andare a pulire il Mediterraneo

 

Articolo precedenteCarola, l’insegnante di Cagliari che ha lasciato il lavoro per andare a pulire il Mediterraneo
Articolo successivoCovid19, l’accusa del premier Draghi: “Se siamo in difficoltà è colpa dei No Vax”