Transizione ecologica per le imprese, il caso del Lazio. La Regione fornisce incentivi, strumenti e know-how per tutte le aziende del territorio e, di fronte alle sfide del prossimo futuro, TeleAmbiente ne ha parlato con l’assessora Roberta Lombardi.

Assessora Lombardi, come la Regione Lazio sta aiutando le imprese nell’ormai necessaria transizione ecologica?

Siamo partiti da una pianificazione strategica, reillustrando il Piano energetico regionale e andando lo ad aggiornare secondo gli obiettivi del green deal europeo, con il taglio del 55% delle emissioni climalteranti entro il 2030 e l’azzeramento entro il 2050. Come Regione, investiremo i fondi del Pnrr e della prossima programmazione europea 2021-2027 per una serie di misure rivolte ad imprese ed enti locali, per andare a incentivare l’adozione di fonti di energia rinnovabili, l’efficientamento energetico pubblico e la mobilità sostenibile. Investiremo sia in un parco veicolare elettrico o a idrogeno, con carburanti a basso impatto ecologico.

Eolico offshore, il Lazio pronto a partire da Civitavecchia. L’assessora Lombardi: “Tecnologia strategica per il futuro”

Ci sono poi quelle misure che chiamiamo di mobilità necessaria: lo smart working per noi è uno strumento eccezionale di efficientamento energetico e incentiveremo le aziende a ricorrere a questa misura. Oltre alla programmazione futura, siamo già al lavoro per il presente. Qualche giorno fa è uscito un nuovo bando per far sì che taxi e Ncc possano convertire i loro mezzi dai carburanti alla propulsione elettrica. Stiamo mettendo in campo diversi bandi anche per la digitalizzazione, che trasforma i modelli di business delle aziende e i modelli organizzativi interni: anche quest’ultima misura è un fattore abilitante della transizione ecologica“.

Articolo precedenteClima, il dramma dei ghiacciai in un documentario dell’Esa con Luca Parmitano
Articolo successivoRiforma BCC, Turco (M5S): “Per difendere l’economia del territorio”